turismo e eventi per famiglie e bambini kid pass
Umbria con bambini cosa vedere gubbio

Itinerari fantastici su e giù per l’Umbria con i bambini

da Mar 4, 2022

Home » Italia per famiglie » Umbria » Itinerari fantastici su e giù per l’Umbria con i bambini

Salire in alto o scendere in basso? È questo il gioco che si può fare con i bambini per scoprire alcuni dei luoghi più belli dell’Umbria, regione dolcemente collinare che cela delle spettacolari sorprese anche sotto il livello del suolo.
Per le famiglie dinamiche che hanno voglia di salire (o guardare) in alto consigliamo alcuni itinerari imperdibili con panorami e bellezze da vedere almeno una volta. Per chi invece ha il piglio dell’esploratore e vuole indagare cosa si cela nel sottosuolo, suggeriamo altre esperienze da vivere tutte d’un fiato.

Cosa vedere in provincia di Perugia con i bambini

Assisi e San Francesco (Perugia)

Il percorso più evocativo per salire ad Assisi è la Mattonata, circa tre chilometri di strada (per due terzi pianeggiante, ultimo tratto in salita) lastricata di mattoni. Ogni pietra è contrassegnata con nome e provenienza del benefattore (in seguito ad un fundraising internazionale avvenuto nel 2000). Parte dalla Basilica di Santa Maria degli Angeli, che ospita la Porziuncola, e arriva fino alla Basilica di san Francesco, dove si trova la tomba del santo. La strada mattonata è l’antica via usata dai francescani, e anche dallo stesso Francesco e percorrendola si potranno raccontare ai bambini i coinvolgenti episodi della vita del Poverello di Assisi. Questa strada è percorribile con il passeggino, anche se nel centro di Assisi per il trasporto dei più piccoli è preferibile il marsupio. Se desiderate altre indicazioni per visitare Assisi con i bambini potete leggere quest’altro articolo reportage della nostra esperienza.

assisi cosa vedere bambini umbria guida

Gubbio, la città dei matti (Perugia)

Così definita a causa dell’imprevedibilità dei suoi abitanti, Gubbio consente di ottenere la patente da Matto anche ai turisti. Come? Occorre fare tre giri intorno alla Fontana del Bargello, detta anche Fontana dei Matti, e il titolo è vostro. Ma ovviamente, lo splendido borgo offre anche molto altro, dai paesaggi naturali nei quali è immerso al patrimonio artistico medioevale. Anche questa gita per i bambini rappresenta una bella salita, per fortuna il centro storico è raggiungibile anche attraverso due ascensori pubblici.

Necropoli etrusca del Palazzone (Perugia)

Composta da circa 200 tombe a camera scavate nel terreno naturale e databili dal V secolo a. C. all’età ellenistica, la necropoli si trova a pochi chilometri da Perugia in località Ponte San Giovanni. Qui si trova l’Ipogeo dei Volumni, la tomba etrusca conosciuta in tutto il mondo, attualmente non è visitabile a causa dell’emergenza sanitaria la tomba, ma restano invece accessibili la Necropoli, l’Antiquarium e i depositi. Accesso gratuito per i ragazzi al di sotto dei 18 anni, gita consigliata a bambini in età scolare. In un altro articolo puoi scoprire le altre attrazioni nei dintorni di Perugia.

Le Cisterne Romane di Todi (Perugia)

Le Cisterne Romane sono un grande monumento di ingegneria idraulica nella città di Todi, situate al di sotto della piazza del Popolo. Oltre 3 chilometri di cunicoli e gallerie, decine di cisterne preromane, romane e medievali, centinaia di pozzi di varie epoche, oltre ad un numero difficilmente quantificabile di cantine e di sotterranei di altra tipologia. Insieme formano il ricchissimo patrimonio sotterraneo della città. Molte di queste gallerie e spazi sotterranei sono visitabili: oltre alle Cisterne Romane di piazza del Popolo anche gallerie della Fabbrica della Piana e la Neviera della Valle.

Cosa vedere in provincia di Terni con i bambini

Cascata delle Marmore (Terni)

Osservare l’acqua che compie un balzo di 165 metri è uno spettacolo che lascia con il fiato sospeso. La cascata è una delle più alte d’Europa e si può ammirare da diversi punti panoramici, il più famoso dei quali è il Balcone degli innamorati (accessibile solo con visita guidata). Con i bambini (3-8 anni) è disponibile la visita per famiglie “Fantacascata” condotta da un simpatico folletto che svelerà leggende e protagonisti di questo magico luogo.

cascata delle marmore con bambini umbria per famiglie

Oasi Wwf Lago di Alviano (Terni)

È un ricco scrigno di biodiversità, nel quale tra le piante palustri si celano iris giallo, carice, scirpo, tifa, giunco e cannuccia di palude. Nei vari periodi dell’anno si possono scorgere molte specie di uccelli, sia migratorie che stanziali, tra le quali folaga, falco di palude, martin pescatore, svasso e numerose anatre. Si è passati dalle 100 specie di uccelli presenti negli anni Novanta a circa 200 oggi. Qui alzando lo sguardo e con un po’ di pazienzaci i bambini si possono dedicare al birdwatching: chi ne riconosce di più?

Pozzo di San Patrizio, Orvieto (Terni)

Realizzato nel Cinquecento per garantire l’approvvigionamento di acqua alla città, il Pozzo di San Patrizio è profondo 62 metri. Attorno alla canna del pozzo girano due scale a chiocciola progettate in maniera tale da correre sovrapposte l’una all’altra, senza comunicare tra loro. Questo serviva a far sì che le persone che si recavano con i muli nel fondo del pozzo ad attingere l’acqua non intralciassero il cammino di chi, dopo essersi procurato l’acqua, risaliva in superficie. Oggi i 248 scalini si possono agevolmente scendere a piedi anche con i bambini, che giunti in fondo potranno sperimentare l’eco e lanciare una monetina esprimendo un desiderio.

Narni da favola (Terni)

Ciò che rende affascinante Narni, paesino medievale, sono i suoi vicoli stretti, le lunghe gradinate e le case dal sapore degli antichi feudi, ma anche la sorprendente ricchezza sotterranea. Scoperta per puro caso da un gruppo di ragazzini nel 1979: si tratta di alcuni locali monastici (e della celebre Stanza dei Tormenti dove avvenivano gli interrogatori dell’Inquisizione) e dell’antico acquedotto romano della Formina, di cui restano percorribili lunghi tratti e conduce alla Cisterna del Lacus (accesso gratuito per bambini al di sotto dei 6 anni, dai 6 ai 12 anni biglietto ridotto). Un aspetto che incuriosisce senz’altro i bambini è legata al nome di questo borgo, che un tempo era Narnia: fu proprio questo luogo a ispirare “Le cronache di Narnia” di C. S. Lewis, dal quale sono stati tratti tre famosi film.

Leggi anche la guida alle passeggiate in Umbria con i local

Bambini in Umbria, passeggiate con i local

Ilaria Tonetto

Ilaria Tonetto

laria Tonetto è una giornalista pubblicista e un’esperta nella comunicazione di progetti culturali e di promozione territoriale, dal 2007 dirige l’agenzia trevigiana Koiné Comunicazione. Se ne intende di luoghi, ma anche di bambini: la maggior parte delle sue avventure nell’ultimo decennio le ha condivise con le figlie, di 12 e 8 anni, potendo sperimentare personalmente tutte le modalità di “viaggio con la famiglia”. È una delle firme storiche di Kidpass.it, per il quale si occupa di raccontare gli itinerari di viaggio con i più piccoli in Italia, mixando l’esperienza di giornalista e lo spirito di sopravvivenza di mamma, e di selezionare e segnalare appuntamenti con l’arte per tutte le età.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

canzone kid pass siamo noi di nicole di danieli koi

DA SCOPRIRE

VACANZE FAMILY

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

RICEVI SUBITO UN REGALO DA KID PASS!

In omaggio la nostra guida: 10 città d’Italia da vedere con i bambini.

Resta aggiornato sulle migliori proposte family nella tua città e non solo!

 

Trattamento dati personali

Grazie per esserti iscritto! Riceverai via email il link per scaricare la guida.