turismo e eventi per famiglie e bambini kid pass
Sicilia con bambini mare

Sicilia: itinerario con i bambini da Agrigento all’Etna

da Giu 20, 2021

Home » Italia per famiglie » Sicilia » Sicilia: itinerario con i bambini da Agrigento all’Etna

Visitare la Sicilia in vacanza con i bambini e i ragazzi significa tuffarsi nella storia, alla scoperta di siti millenari, oltre che di scenari naturali suggestivi e un mare cristallino.

In questo reportage vi raccontiamo cosa vedere in Sicilia in un viaggio per famiglie, la nostra esperienza e gli itinerari provati, dai templi greci di Agrigento al Barocco di Noto, dal mare della Riserva dei Vendicari al fiume della Riserva Orientata del Cassibile, per salutarci davanti alla grande Madre Etna. Venite con noi?

In Sicilia con i bambini: la Valle dei Templi di Agrigento

Patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO, il Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento racconta una storia antica più di duemila anni. È uno dei siti archeologici più grandi (1300 ettari), più significativi e meglio conservati della civiltà greca classica.

Sicilia Agrigento bambini

Il  Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento è da vedere assolutamente durante una vacanza in Sicilia.

Per coinvolgere i bambini nella visita ci siamo immersi nel racconto dei miti greci. Hanno fatto la conoscenza di Zeus, padre degli dèi e della sua sposa Hera, passando poi per le dodici fatiche di Ercole. In questo modo, nonostante il caldo e la lunghezza del percorso, circa tre ore, siamo riusciti a farli sgambettare, partecipi fino alla fine.

Fondata nel VI secolo a.C. con il nome di Akragas, la colonia della Magna Grecia raggiunse il suo massimo splendore nel V secolo a.C.: a quest’epoca risale la costruzione dei templi più importanti, distribuiti lungo la cinta muraria della città. Questi sono tutti in stile dorico e realizzati in tufo arenario conchiglifero, la locale pietra calcarea dal caratteristico colore giallo intenso.

Tuttavia gli archeologi  hanno scoperto che la tinta dorata della pietra, così perfettamente integrata nel paesaggio, ha una resa molto diversa dall’originale. Infatti i templi erano dipinti, con intonaco bianco candido ad eccezione del fregio e del timpano, colorati spesso di rosso e blu!

Anche qui, come in altri parchi archeologici, l’edificio meglio conservato tra tutti, il Tempio della Concordia, ha resistito nei secoli perché convertito in chiesa cristiana. Infatti, grazie a questa variazione d’uso, il tempio non è stato usato come cava di materiale da costruzione, evento frequente per gli edifici pagani.

Sicilia Agrigento Tempio Concordia

In Sicilia con i bambini: a Noto si sale e si scende

In seguito al terribile terremoto che nel 1693 sconvolse tutta l’isola, la città fu completamente rasa al suolo ricostruita nello stile dell’epoca, il barocco.
L’organica riedificazione produsse una composizione architettonica coerente e armoniosa, tanto che è stata definita la “perfetta città barocca“. Piazze scenografiche e grandiose scalinate intervallano le principali vie della città.

Vietato essere stanchi, qui si sale e si scende!

Sicilia 2 Noto by night

In Sicilia con i bambini: Riserva Naturale Cavagrande del Cassibile

Questa tappa del nostro viaggio in Sicilia con i bambini è stata tra le più impegnative e faticose, ed è sconsigliata a bambini troppo piccoli o che non camminano.

Sicilia Cavagrande del Cassibile

Ma se riuscirete a conquistarla, non ve ne pentirete. Si tratta di un enorme canyon prodotto dall’erosione del fiume Cassibile, che scorre impetuoso nella stretta gola.
Nelle pareti rocciose sono state rinvenute ottomila tombe rupestri, risalenti al X e IX secolo avanti Cristo.

Gli scenari sono mozzafiato, la natura selvaggia tra cascate, alberi, acqua cristallina e ghiacciata dove rigenerare corpo e spirito.

Sicilia Cavagrande del Cassibile bambini

In Sicilia con i bambini: a Marzamemi

Marzamemi è un caratteristico borgo marinaro, in provincia di Siracusa, sviluppato grazie alla pesca del tonno e alla sua lavorazione. La tonnara di Marzamemi, una delle più importanti in Sicilia, risale alla dominazione spagnola in Sicilia nel 1600.

La piazzetta principale, con la piccola chiesa, il Palazzo di Villadorata e i tipici tavolini colorati, è una delle cartoline più popolari della Sicilia.

Sicilia Marzemini bambini

In Sicilia con i bambini: la Riserva dei Vendicari

La Riserva dei Vendicari è una zona umida della costa sudorientale della Sicilia, molto importante e delicata per la presenza di diversi ecosistemi: dalla costa rocciosa a quella sabbiosa, dalla macchia mediterranea ai pantani e alle saline. Ogni ambiente ospita fauna e flora diverse.

Se siete fortunati, potrete vedere fenicotteri rosa e altre specie di uccelli migratori.
L’acqua è cristallina, con una infinità di pesci di tutti i colori.

Essendo un’oasi naturale è vietato giocare a palla o a racchettoni; è inoltre frequente trovare sulla spiaggia accumuli di poseidonia, che non vengono rimossi. L’ambiente sabbioso viene mantenuto inalterato, per tutelare la riproduzione della tartaruga palustre siciliana e negli ultimi anni delle tartarughe Caretta Caretta.

Tante le vestigia storico culturali tra cui passeggiare: dalla tonnara di fattura araba alla Torre Sveva, fino alle vasche per la lavorazione del tonno di epoca ellenistica, accanto alle quali è stata scoperta anche una piccola necropoli.

Sicilia vendicari con bambini

In Sicilia con i bambini: Siracusa

Siracusa, fondata dai Corinzi intorno al 734 a.C., ha avuto un glorioso passato che emerge dalle numerose testimonianze.

Anche qui il violento terremoto del 1693 fece danni ingenti, radendo al suolo la città, interamente ricostruita in stile barocco.

L’isola di Ortigia

La parte antica si sviluppa sulla bellissima isola di Ortigia, raggiungibile oltrepassando uno dei due ponti che uniscono l’isola alla terraferma.
Resti di rovine romane si alternano a eleganti palazzi. Raggiungete Piazza Duomo: il selciato è marmoreo e lucente e, al calar della sera, quando si accendono le luci progettate per mettere in rilievo gli edifici, sembra un gigantesco salotto.

Siracusa piazza duomo

Nella cattedrale si possono ammirare le diverse stratificazioni di storia e culture avvicendate sull’isola. Al primo sguardo verso la facciata appare una bellissima cattedrale in stile barocco siciliano. Ma ecco che all’inizio della navata nord, si osservano una serie di colonne doriche, inglobate nella muratura. È ciò che resta del tempio di Atena della città antica, trasformato in chiesa paleocristiana e poi nel fabbricato attuale.

Durante il IX secolo, sotto la dominazione araba, l’edificio fu probabilmente adibito a moschea per tornare nel XII secolo con i Normanni al culto cristiano.

Siracusa, il Parco Archeologico della Neapolis

Naturalmente non manchiamo di visitare il Parco Archeologico della Neapolis, con il Teatro Greco, ancora attivo con rappresentazioni classiche, la Latomia del Paradiso, cava di calcare usata poi come prigione, fino al popolare Orecchio di Dionisio, un masso gigantesco caratterizzato da un curioso effetto acustico. Abbiamo noleggiato l’audioguida per bambini, che in una sorta di avventura  coivolgente rende la visita più divertente.

Sicilia Siracusa tempio greco

Per scoprire altre attrazioni di Siracusa, leggi anche l’articolo 8 cose vedere a Siracusa e dintorni con i bambini.

In Sicilia con i bambini: la grande Madre Etna

Il nostro viaggio si conclude, non a caso, sulla grande Montagna. Così chiamata dalla gente del posto, l’Etna, rappresenta per i siciliani “la Grande Madre”, dispensatrice di vita e di morte.

Abbiamo rinunciato al tour turistico dei crateri sommitali: troppa gente a turbare la pace regale del vulcano, preferendo incamminarci da soli su e giù, lungo le pendici dei coni avventizi.

Etna bambini

Etna, i crateri silvestri

Un tripudio di colori ci ha avvolti: sulla sciara, l’accumulo nero cangiante di lava solidificata, formata con le ultime eruzioni, spiccano tappeti rosa di Saponaria, alternati al giallo dell’elicriso e della ginestra.

Etna fioriture saponaria

Il vento e il sole battono intensi, ma non ci impediscono di camminare e camminare, tra stupore e meraviglia, a caccia di pietre ed emozioni, alimentati dall’energia della Grande Madre.

E prendiamo coscienza, grandi e bambini, della nostra umana fragilità di fronte alla potenza e perennità dell’essere “vulcano”.

Sicilia Etna

 

Per altre ispirazioni di viaggio leggi anche 10 cose da vedere a Palermo.

Teresa Scarselli

Teresa Scarselli

Autrice, editor e SMM del portale Kid Pass, si occupa di comunicazione, promozione e fruizione dei Beni culturali. È convinta che qualsiasi viaggio possa essere un’esperienza a misura di bambino… e genitori! Il suo obbiettivo è raccontare e rendere appagante la visita a borghi, città d’arte e musei per tutta la famiglia.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

canzone kid pass siamo noi di nicole di danieli koi

DA SCOPRIRE

VACANZE FAMILY

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

RICEVI SUBITO UN REGALO DA KID PASS!

In omaggio la nostra guida: 10 città d’Italia da vedere con i bambini.

Resta aggiornato sulle migliori proposte family nella tua città e non solo!

 

Trattamento dati personali

Grazie per esserti iscritto! Riceverai via email il link per scaricare la guida.