turismo e eventi per famiglie e bambini kid pass
Campania Pompei bambini

Le più belle esperienze per famiglie in Campania

da Gen 7, 2022

Home » Italia per famiglie » Campania » Le più belle esperienze per famiglie in Campania

Andiamo alla scoperta della Campania con i bambini, tra gite e itinerari nella natura, nella storia, nella scienza e nel divertimento. Cosa preferite fare? Un’escursione in funicolare, la visita a Pompei, alla Reggia di Caserta, a musei interattivi o una giornata in un parco divertimenti? Nella regione potrete scegliere tra diverse attrazioni coinvolgenti e speciali, che lasceranno i piccoli grandi viaggiatori con la voglia di tornare!

Gite ed escursioni in Campania nella natura

Una gita con i bambini sul Vesuvio

Un’emozione unica per bambini e genitori, arrampicarsi come veri esploratori sulle pendici del vulcano: simbolo della città di Napoli, il Vesuvio raggiunge i 1.277 metri di altitudine, con un cratere dal diametro attuale di quattrocentocinquanta metri ed una profondità di trecento metri.
Ci sono ben undici sentieri trekking che si dispiegano lungo le sue pendici, ma certamente quello da non perdere è il sentiero n. 5, che vi porterà proprio fino al bordo del cratere.

Il percorso (l’unico a pagamento, con acquisto obbligatorio online e prenotazione del parcheggio) inizia in corrispondenza del piazzale a quota 1.000 di Ercolano.
Dal parcheggio la salita è tosta, soprattutto sotto al sole cocente estivo, non tanto per la lunghezza (un chilometro e mezzo) quanto per la salita piuttosto ripida. Tutti gli sforzi saranno però ripagati dallo spettacolare skyline, sul golfo di Napoli e all’interno del cratere.

Il racconto su Pompei ed Ercolano, se vorrete, potrà iniziare proprio qui: oggi il vulcano è in stato quiescente, ma è classificato tra i vulcani attivi più pericolosi al mondo.
La sua tranquillità apparente ha ingannato le popolazioni che, anche in passato, hanno abitato le sue pendici. Già da quel lontano 79 d.C., quando la sua eruzione provocò la distruzione delle città di Ercolano, Pompei, Stabia e Oplontis.

Rassicurate i bambini sulla possibilità di una eventuale eruzione: ci sarebbero segnali premonitori, come alterazioni dei gas delle fumarole, piccoli terremoti o deformazioni. Il vulcano e la sua attività sono costantemente monitorati.

Campania bambini Vesuvio

Escursione per famiglie sul Monte Faito in funicolare

Anche dal Monte Faito, appartenente alla catena dei Monti Lattari, potrete contemplare il golfo di Napoli d’alto. Solo che qui potrete arrivare con una comoda e panoramica funicolare.
Questa, costruita nell’agosto del 1952 ma recentemente ristrutturata, da Castellammare di Stabia permette di raggiungere la vetta in soli otto minuti.
Dalla cima si dipartono una serie di sentieri tra boschi di faggi, alcuni risalenti a quattrocento anni fa.

I giganteschi tronchi venivano utilizzati in passato come neviere, cavità naturali all’interno dei quali veniva stipata e pressata la neve, raccolta dopo le precipitazioni, utile per conservare le cibarie.
Ne troverete diverse, lungo il sentiero che conduce alla Grotta della Sorgente dell’Acqua Santa. Pensate che presso le varie sorgenti del Monte Faito cresce anche una pianta carnivora rara, la Pinguicula hirtiflora.

I boschi sono popolati da numerose specie di uccelli (fringuello, verdone, cardellino, usignolo, pettirosso, merlo) e da mammiferi (cinghiale, talpa, riccio, ghiro, volpe).
Imboccando il Sentiero dell’Angelo arriverete al Monastero di San Michele, fondato nel VI secolo da Antonino e Catello, i due patroni di Sorrento e Castellammare di Stabia, dopo aver avuto la visione dell’Arcangelo Michele.

Voi non avrete forse tanta fortuna, ma una visione comunque incredibile vi sarà concessa: l’incantevole Capri, Napoli ed oltre, in lontananza anche Caserta. E un mare che più blu non si può.

Itinerari in Campania nella storia

Visita a Pompei

È uno dei siti archeologici più importanti al mondo. E la sua storia (anche se terribile) affascina i visitatori da quasi tre secoli. Nel ‘700 Pompei diventa infatti una delle tappe obbligate del Grand Tour, il pellegrinaggio artistico effettuato dai giovani aristocratici europei alla scoperta delle antichità classiche.
E oggi, più di tre milioni e mezzo di persone all’anno (dati pre-Covid) si riversano tra le vie dell’antica città romana.

Gli scavi archeologici hanno progressivamente portato alla luce una città fiorente, cinta da mura, con circa ventimila abitanti; le sue vie erano animate da botteghe di artigiani e commercianti e molti suoi cittadini vivevano in ville lussuose, riccamente arredate e affrescate.

Particolari originali faranno sghignazzare i piccoli visitatori, come le strisce pedonali ante litteram, sopraelevate per non sporcarsi con i liquami che spesso percorrevano le strade.

Campania Pompei strisce pedonali
Oppure i ritrovamenti di antichi tessuti nelle lavanderie, trovati nelle vasche delle lavanderie con residui di pipì (che veniva usata per detergere grazie all’ammoniaca in essa contenuta).
Ma rimarranno anche sbalorditi dagli ultimi ritrovamenti: come il Termopolio perfettamente conservato, la tipica bottega di cibi e bevande pronte e calde con affaccio lungo la strada. In pratica, l’antenato dei nostri fast food! Solo che invece del hot dog o maxi-burger, gli abitanti di Pompei mangiavano anatre e pecore!

Tante le scoperte da fare durante la visita, che potrà essere, se vorrete, davvero a misura di bambino: un testimonial d’eccezione, Geronimo Stilton, infatti, è pronto ad accompagnare i più piccoli. Scaricate la mappa di Pompei  ed entrate con lui nel mood pompeiano grazie a simpatici video e giochi online.

Campania Mappa Pompei bambini Geronimo Stilton

Visita a Baia, nel Parco Archeologico dei Campi Flegrei

Sono ben venticinque i siti assegnati al Parco Archeologico dei Campi Flegrei. Tra questi c’è Baia, la città romana sommersa, chiamata anche “la piccola Atlantide napoletana”.
Si tratta di un’area di origine vulcanica, caratterizzata dal fenomeno del bradisismo, che può essere positivo (con innalzamento) o negativo (con abbassamento del livello del suolo).
Proprio per un bradisismo negativo l’antica fascia costiera ha subìto uno sprofondamento, con il conseguente inabissamento di tutti gli edifici ivi costruiti. Qui c’erano siti strategici in epoca romana, tra cui Baia, elegante e chiacchierata località di villeggiatura.

Grazie a NemoSub, il nuovo sottomarino turistico, provvisto di vetrate nella parte inferiore, potrete scoprire il Parco Archeologico Sottomarino senza mettere un dito in acqua. Dall’imbarcazione scorgerete il Ninfeo di Punta Epitaffio, un locale in cui veniva servito il pranzo nelle case degli antichi romani.
Ma anche mosaici, affreschi, sculture, tracciati stradali e colonne in ottimo stato di conservazione.

In estate, in alternativa, potrete fare snorkeling tra le vestigia dell’antica città sommersa (mosaici, colonne e statue sono a una profondità dai tre ai sei metri, quindi facilmente individuabili anche senza particolari attrezzature e competenze). Fluttuare tra pesci colorati e resti di domus e ville, terme, mosaici e altre testimonianze straordinarie sarà un’esperienza indimenticabile.

Campania con bambinbi NemoSub Baia

Visita per famiglie alla Reggia di Caserta

Sfarzosa e gigantesca – si tratta della residenza reale più grande al mondo per volume– la Reggia di Caserta è stata dichiarata patrimonio UNESCO nel 1997.
Con pianta rettangolare, articolata su edifici affacciati su quattro grandi corti interne, si estende su una superficie di circa 47.000 metri quadrati per un’altezza di cinque piani.
La Reggia conta circa milleduecento stanze… ma tranquillizzate i bambini, non le visiterete tutte! Fatevi sorprendere dallo scenografico scalone d’onore che dà accesso agli appartamenti. Dedicatevi alla Sala del Trono, la sala più sontuosa degli appartamenti reali. Fate una capatina alla Biblioteca Palatina e alla sezione dedicata al presepe reale.

Infine, completate il tour con una passeggiata nel lussureggiante Parco Reale, progettato da Luigi Vanvitelli, che si ispirò ai giardini delle residenze reali europee dell’epoca. Distribuito tra un rigoroso giardino all’italiana e un decadente giardino all’inglese, il parco ha una superficie di centoventi ettari per una lunghezza di quasi tre chilometri.

Anche la Reggia di Caserta promuove visite e conoscenza a misura di bambino!

La Reggia infatti si racconta grazie ad audioguide pensate proprio per i piccoli visitatori. Al momento in italiano e in inglese, essendo un numero limitato è preferibile prenotarle.

Ci sono poi i podcast “Piccoli a corte… i bambini dei ritratti della Reggia”, realizzati in occasione dei Kid Pass Days, e “C’era una volta un Re, anzi due!”, che raccontano la storia della bellissima reggia.
Per i più creativi, il team didattico ha realizzato tante schede scaricabili, che hanno come soggetti i dipinti, le statue, le specie vegetali e gli animali del Parco Reale e alcuni dei simboli della Reggia di Caserta.
Per conoscere la Reggia prima ancora di partire!

Campania Reggia di Caserta bambini

I musei più interattivi della Campania

Città della Scienza a Napoli

Città della Scienza è il primo museo scientifico interattivo italiano, con una mission speciale: la diffusione della cultura scientifica e della tecnologia, attraverso il gioco e la sperimentazione diretta.
Giochi interattivi, simulazioni, video, esperienze di conoscenza pratiche e la possibilità di toccare e provare di persona, sotto la guida esperta di educatori e divulgatori scientifici, renderanno la visita formativa ma anche divertente.
Da non perdere la grande sezione Corporea, per condurre piccoli e grandi alla scoperta dei segreti del corpo umano.

L’innovativo e spazioso Planetario 3D, con sistema di proiezione digitale di ultima generazione, assicura un’immersione e coinvolgimento tali, che vi sentirete catapultati nello spazio.

La Mostra permanente sul mare vi trascinerà negli abissi marini, per conoscere gli organismi dei nostri ecosistemi marini, grazie ad acquari, vasche tattili, installazioni multimediali e interattive.

Infine, per piccoli entolomologi in erba, o per sconfiggere ataviche paure, visitate la grande mostra permanente dedicata al mondo degli insetti!

Napoli Città della Scienza musei bambini

MAV, vicino a Ercolano

Pronti a lanciarvi in un sorprendente viaggio nel tempo fino al 79 d.C. al MAV, Museo Archeologico Virtuale, nei pressi di Ercolano?
Attraverso ricostruzioni 3D, ologrammi, realtà virtuale e aumentata, sarete accompagnati in uno spettacolare virtual tour tra le vie popolate delle due città, prima che la tremenda esplosione del Vesuvio annientasse le città romane di Pompei ed Ercolano. Le ricostruzioni virtuali sono particolarmente utili per i bambini, che in questo modo riescono a visualizzare gli edifici nella loro integrità e a immergersi nell’atmosfera dell’epoca.
Al termine del percorso museale nella piccola sala cinema, indossati gli occhialini per la visione in 3D, assisterete alla spettacolare e immersiva ricostruzione dell’eruzione.

Campania bambini MAV eruzione_del_vesuvio10

Parchi divertimento e attrazioni per bambini

Edenlandia, vicino a Napoli

Nei pressi di Napoli, Edenlandia è stato il primo parco dei divertimenti italiano, nato nel 1964, su modello di Disneyland. All’epoca era un parco moderno e innovativo, ma non aspettatevi oggi grandi tecnologie.
La bellezza del parco è proprio l’atmosfera vintage: autoscontri, brucomela, la Casa delle Beffe e il Castello spaventoso sono tutte attrazioni dal sapore retrò, che indubbiamente piaceranno a genitori nostalgici e ai bimbi più piccoli, ma potrebbero essere deludenti per ragazzini più grandi.

Lacenolandia, vicino ad Avellino

Nelle vicinanze di Avellino, anche Lacenolandia è un parco dedicato alle famiglie con bambini piccoli.
Le attrazioni spaziano dal Discovery, una ruota gigante dove oscillerete sempre più in alto, fino a otto metri da terra con un angolo di 120°, alla pista mini quad con macchine elettriche.
Non manca il tradizionale brucomela, una mini ruota panoramica e in estate i Bomber Boat.
Per gli sportivi, l’offerta continua con un esaltante Parco Avventura a prova di scalatori, per fare il pieno di spensieratezza e divertimento!

Lo zoo di Napoli

Tra le attrazioni da non perdere nel vostro viaggio in Campania non può mancare il Giardino Zoologico di Napoli. Per trascorrere una meravigliosa giornata all’aperto, in un parco curato con più di quattrocento animali e duecento specie vegetali.
Ancora più immersiva è la zooexperience, un’attività a contatto ravvicinato con le giraffe, organizzata dallo staff dello zoo. Per scoprire la prossima, consultate la pagina Facebook.

Campania zoo Napoli bambini

Siete diretti a Napoli? Ecco 10 cose da vedere a Napoli!

Oppure, scoprite anche il Cilento con i bambini: tra archeologia e trekking facili

Teresa Scarselli

Teresa Scarselli

Autrice, editor e SMM del portale Kid Pass, si occupa di comunicazione, promozione e fruizione dei Beni culturali. È convinta che qualsiasi viaggio possa essere un’esperienza a misura di bambino… e genitori! Il suo obbiettivo è raccontare e rendere appagante la visita a borghi, città d’arte e musei per tutta la famiglia.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

canzone kid pass siamo noi di nicole di danieli koi

DA SCOPRIRE

VACANZE FAMILY

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

RICEVI SUBITO UN REGALO DA KID PASS!

In omaggio la nostra guida: 10 città d’Italia da vedere con i bambini.

Resta aggiornato sulle migliori proposte family nella tua città e non solo!

 

Trattamento dati personali

Grazie per esserti iscritto! Riceverai via email il link per scaricare la guida.