turismo e eventi per famiglie e bambini kid pass
Civita di Bagnoregio con i bambini

Borghi da visitare con i bambini per un turismo di prossimità

da Mar 19, 2021

Home » Viaggi e vacanze per famiglie » Borghi da visitare con i bambini per un turismo di prossimità

Celebrati in tutto il mondo, i borghi in Italia rappresentano un autentico spaccato di storia e storia dell’arte, perfetti per far immergere anche i bambini in una sorta di teatro a cielo aperto.

I borghi che vi consigliamo in questo articolo hanno tutti un comune denominatore: qualcosa di molto speciale e seducente anche per le famiglie e i piccoli turisti, una marcia in più per incantarli nella passeggiata e nella visita.

Borghi e luoghi speciali in Valle d’Aosta: Bard e il Forte

Siamo in Valle d’Aosta, a pochi chilometri oltre il confine piemontese. Bard è il più piccolo comune italiano, con poco più di cento abitanti, ma grazie alla sua posizione strategica è sempre stato centro di attività commerciali e militari.
Edificato ai piedi di un imponente promontorio roccioso, è dominato dall’omonimo forte, importante polo culturale e didattico.

Arricchito da edifici storici, con i caratteristici tetti a lose, in ardesia, è inserito nella lista dei Borghi più belli d’Italia.

Il forte sulla sommità della rocca è raggiungibile tramite un percorso pedonale o, per la gioia dei bambini, tramite una funicolare panoramica, da cui si gode una vista spettacolare su tutto il vallone.
La roccaforte, ricostruita nell’Ottocento poco dopo che Napoleone l’aveva fatta radere al suolo, è costituita da tre principali corpi di fabbrica, posti a diversi livelli: dal più basso, l’Opera Ferdinando, a quello mediano, l’Opera Vittorio,  al più alto, l’Opera Carlo Alberto. Questo apparato a strutture indipendenti era in grado di assicurare la reciproca difesa in caso di un attacco.

Tra le varie attività dedicate ai più giovani, all’interno di Forte di Bard si trova uno spazio ludico-didattico per avvicinarsi alla montagna nel modo più corretto.

Bard borghi da vedere con bambini

Borghi e luoghi speciali in Liguria: Sarzana e Luni

Il borgo è situato nel cuore della Lunigiana, ed è l’erede dell’antica città romana di Luni.
Sarzana conserva ben due castelli, la fortezza Firmafede, di origine pisana e la fortezza di Sarzanello, antica residenza vescovile.

Il borgo murato cinquecentesco è quasi rimasto intatto, con le mura e quattro torrioni. Il centro storico si sviluppa lungo le vie Bertoloni e Mazzini, tra Porta Parma e Porta Romana, nell’antico tratto della Via Francigena.

La Fortezza Firmafede è la più antica fortificazione di Sarzana, edificata su una struttura precedente.
Ha pianta quadrilatera, con un’imponente cinta muraria, un fossato ed un maschio centrale.
Ospita un Museo interattivo sulle Fortezze, molto coinvolgente per i bambini, grazie a proiezioni, quadri parlanti e speciali ambientazioni, dove calarsi nei panni di antichi castellani.

Sarzana borghi da visitare con bambini

Ma la parte più affascinante sarà, per i bambini, esplorare cunicoli e gallerie sotterranee, che avevano molteplici funzioni: conducevano al maschio mediante un’angusta scala a chiocciola, ma soprattutto permettevano la fuga nei campi al castellano e alla sua guarnigione in caso di avanzamento nemico.

A circa venti minuti di macchina non tralasciate una visita all’antica Luni, dove è possibile visitare i reperti portati alla luce, tra cui bellissimi mosaici e l’imponente anfiteatro romano.

Liguria Luni visita con bambini

Borghi e luoghi speciali in Veneto: Burano e Mazzorbo

Burano è famosa in tutto il mondo, per i colori sgargianti e saturi delle sue abitazioni. Il regolamento edilizio da sempre vieta di cambiare il colore dell’intonaco di ogni casetta.

Ci sono svariate ipotesi sull’origine di questo arcobaleno: una leggenda racconta i colori servissero ai pescatori che la abitavano per scorgere da lontano, anche con la nebbia, la propria abitazione.
Un’altra, più ironica, che servissero a riconoscerla anche in preda ai fumi dell’alcol.
La terza teoria, probabilmente la più attendibile, sostiene che la diversa colorazione rappresentasse semplicemente i limiti della proprietà.

Burano borghi con bambini

Perdetevi con i bambini nei dedali colorati di calli e callette, sgranocchiando i buranelli, biscottini tipici da acquistare in panificio locale.
In piazza Baldassarre, la chiesa di San Martino Vescovo di Burano è famosa per il suo campanile pendente, campanìl storto in dialetto, a causa di cedimenti differenziali di terreno e fondamenta.

Con una breve passeggiata raggiungete anche l’isola-borgo Mazzorbo, collegata a Burano da un ponte, il Ponte Lungo. Anche qui le pittoresche case colorate si affacciano sull’acqua, ma sono soprattutto orti e vigne a donarle un’atmosfera rilassante e bucolica.

Nella splendida tenuta Venissa, la famiglia Bisol ha ripiantato un antico vitigno autoctono, che dà vita a una produzione di poche centinaia di casse. Un vino da assaggiare, se volete, immersi nella bellissima vigna, ai piedi del campanile.

Mazzorbo borghi visita con bambini

Borghi e luoghi speciali in Friuli-Venezia Giulia: Polcenigo e il Gorgazzo

Ai piedi della pedemontana friulana, in provincia di Pordenone, Polcenigo fa parte della rete dei borghi più belli d’Italia. Tuttavia, non ha ancora assunto quell’aria patinata, come talvolta succede quando un luogo diventa popolare. Polcenigo non è assolutamente turistico e vi sembrerà di fare un salto nel passato per l’atmosfera lenta che vi si respira.
Il borgo conserva intatta l’impronta medioevale: costruito attorno al castello (ormai in rovina) tra le anse del fiume di risorgiva Livenza.

Friuli venezia Giulia Polcenigo borghi bambini

Dal castello, antica dimora dei conti da Polcenigo, poi riorganizzato a villa nel Settecento, si domina il piccolo centro abitato. La struttura è priva delle coperture, ma sono rimaste tutte le pareti (consolidate da un intervento conservativo). Luogo perfetto per una caccia ai fantasmi… eccitante!

Polcenigo borghi da visitare con i bambini

Catturati tutti gli spettri, raggiungete le vicine sorgenti del Gorgazzo, acque dal colore cristallino che scaturiscono da una cavità carsica.
Lo spettacolo è davvero unico: puro cielo liquido, che varia dal blu al verde turchese.
La risorgiva è la seconda sorgente carsica a sifone più profonda in Europa. Le acque provengono verosimilmente dal Monte Cavallo e si inabissano per poi tornare in superficie in questa zona.

Friuli Polcenigo Gorgazzo con i bambini

Borghi e luoghi speciali in Lazio: Civita di Bagnoregio e la Valle dei Calanchi

La fama di Civita di Bagnoregio è aumentata progressivamente nel tempo, attirando moltissimi visitatori da tutto il mondo.
Di origine etrusca, poi insediamento medievale, la popolazione odierna conta dieci residenti, che vivono in case secolari arroccate su una scogliera tufacea.

La particolarità assolutamente unica di Civita di Bagnoregio è la sua posizione e il contesto scenografico che la avvolge.
Il borgo è un’isola, irta in un mare fatto di brulle valli e bianchi calanchi, raggiungibile solo a piedi per mezzo di un ponte costruito nel 1965, in sostituzione del precedente distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale.

Civita di bagnoregio Borghi Italia da visitare con bambini

L’area è soggetta a continue erosioni e frane, che negli anni hanno contribuito a un progressivo assottigliamento dello sperone di roccia sopra il quale sorge il borgo e che in futuro potrebbe causare il crollo della stessa Civita.

La chiamano infatti “la città che muore”, per l’inesorabile sgretolarsi del tufo, nonostante i drenaggi e le opere di consolidamento (due milioni di euro spesi negli ultimi cinque anni). Si accede attraverso la porta, detta di Santa Maria o della Cava, unico accesso al paese.

Le famiglie più avventurose potranno dedicarsi ad una eccitante escursione nella Valle dei Calanchi, un vero paesaggio vivente.

I calanchi sono un fenomeno geomorfologico di sgretolamento erosivo del terreno, per effetto del dilavamento delle acque su rocce argillose degradate. Formano creste dalla forma ondulata e talvolta esilissima, pinnacoli e pareti d’argilla. Un paesaggio lunare, dove semplicemente vagare o dilettarsi a cacciare piccoli fossili marini: sì, perché qui, 2,5 milioni di anni fa c’era il mare!

Borghi e luoghi speciali in Toscana: San Gimignano e Monteriggioni

San Gimignano è chiamata anche la città delle torri, che ne definiscono lo skyline e la particolare attrattività anche per i bambini. In realtà, le molte torri erano una caratteristica di tutte le cittadine medioevali, quando da costruzione di difesa militare divennero, nell’epoca comunale, una sorta status symbol nobiliare. In questo periodo la città fu impreziosita da ben settantadue torri, che furono costruite dalle altrettante famiglie benestanti a ostentazione della loro prosperità e potere. Oggi ne sono rimaste quattordici, che caratterizzano il centro e ne rendono unico e identificabile il profilo.

Da Porta San Giovanni si percorre via San Giovanni, ricca di negozietti di souvenir e di prelibatezze locali, di vivacissime ceramiche, di ristoranti, fino a Piazza della Cisterna, dove in passato si svolgevano il mercato, le feste, i tornei e tutti gli spettacoli pubblici.

Dall’enorme cisterna ottagonale in travertino posta al centro, i bambini si divertiranno a contare le numerose torri, tra cui la Torre dei Becci e dei Cugnanesi, le Torri Gemelle degli Ardinghelli, la Torre di Palazzo Pellari e la Torre del Diavolo.

A pochi chilometri, visitate anche Monteriggioni. Meno turistico, ma altrettanto prezioso, è un paese fortezza racchiuso da una incredibile cinta muraria perfettamente conservata, con quattordici torri a base quadrata.

I bambini saranno elettrizzati per la passeggiata lungo i 560 metri di camminamenti sulle mura del castello. Dall’alto della cinta difensiva vi innamorerete della splendida campagna circostante, coltivata a uliveti e vigneti.

Immergetevi nell’atmosfera medioevale della piazza, dove si svolgeva la vita quotidiana degli abitanti e, se siete appassionati di videogiochi, sappiate che proprio qui sono ambientate parte delle gloriose avventure di Ezio Auditore, protagonista di Assassin’s Creed.

Borghi Toscana Monteriggioni con bambini

 

Siete ancora a caccia di idee per la vostra staycation? Allora leggete il nostro articolo sulle attrazioni per famiglie in Italia.

Teresa Scarselli

Teresa Scarselli

Autrice, editor e SMM del portale Kid Pass, si occupa di comunicazione, promozione e fruizione dei Beni culturali. È convinta che qualsiasi viaggio possa essere un’esperienza a misura di bambino… e genitori! Il suo obbiettivo è raccontare e rendere appagante la visita a borghi, città d’arte e musei per tutta la famiglia.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

canzone kid pass siamo noi di nicole di danieli koi

DA SCOPRIRE

VACANZE FAMILY

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

RICEVI SUBITO UN REGALO DA KID PASS!

In omaggio la nostra guida: 10 città d’Italia da vedere con i bambini.

Resta aggiornato sulle migliori proposte family nella tua città e non solo!

 

Trattamento dati personali

Grazie per esserti iscritto! Riceverai via email il link per scaricare la guida.