Barcellona per bambini: alla scoperta della capitale spagnola che tra servizi, parchi, attrazioni e accoglienza è una città adatta alle famiglie in viaggio.

Barcelona con nißntilde;os? Claro que sì!

La capitale spagnola è infatti una delle mete europee più a misura di famiglie che ci sia. Il perché? Facile a dirsi: la ricchezza di parchi, il clima, le varie attrazioni e le innumerevoli attività a disposizione la rendono una meta assolutamente attraente per chi vuole viaggiare con bambini al seguito. Alberghi e locali attrezzati per accogliere le famiglie, servizi di trasporto pubblico agevolati e molto altro. Andiamo quindi alla scoperta di alcune delle opportunità offerte da Barcellona.

Cominciamo con il consigliare i vari parchi sparsi in città: vietato non visitare con i bambini il Parc Gßuuml;ell di Antoni Gaudßiacute;, consigliato il pranzo al sacco e la visita nell’intera giornata. Il Parco è tra le opere compiute di Antoni Gaudì quella più grande e impegnativa: vi troverete meravigliose strutture di pietra, piastrelle stupefacenti ed edifici affascinanti. Uno dei punti focali del parco è la fontana di Gaudì a forma di dragone che si trova proprio all’entrata. Il dragone è decorato con delle bellissime piastrelle colorate ed ha qualche cosa di ipnotico e magico. Vi sembrerà di immergervi in una fiaba.

Per rimanere nel mondo delle favole vi consigliamo di visitare con i bimbi anche Casa Batllò e la Pedreda, sempre dell’eclettico Gaudì. L’ingresso per i bambini fino ai 6 anni è gratuito. Altra interessante visita è quella alla Sagrada Familia: un Tempio gigante in costruzione sin dal 1882 e tutt’oggi ancora non completato. Chi visita Barcellona, non può non visitare questo maestoso capolavoro. Consigliamo di acquistare il biglietto d’ingresso con audio-guida inclusa, anche per i bambini. Le audio-guida per bambini, con cuffie più piccole, spiegano in maniera divertente come è stata costruita la Sagrada Familia ed è un ottimo modo per tenere i piccoli impegnati durante la visita.

Altro luogo consigliato da visitare è il modernissimo Museu Blau dove trovere il Science Nest (letteralmente Nido Scientifico) per bambini dai 0 ai 6 anni, le aree lettura, una serie di laboratori, un bar, un ristorante ed un negozio. Il Science Nest nasce con l’idea di promuovere la scienza come strumento di comprensione del mondo, utilizzabile sin da bambini. In quest’area i bimbi da 0 a 6 anni, accompagnati dalla scuola o dalla famiglia, possono sviluppare le loro capacità artistiche, sensoriali e di osservazione attraverso uno stimolo continuo della curiosità.

Anche Barcellona ha poi il suo Acquario: è il centro marino di svaghi ed educativo il più importante di Mediterraneo con 35 serbatoi, 11.000 animali di 450 specie diverse, un tunnel sottomarino 80 metri di lunghezza, sei milioni di litri dell’acqua ed un Oceanarium immenso.

Famoso anche il Tibidabo: un parco divertimenti vecchio stile rimasto in città, adatto ai bambini di ogni età. E’ la cima più elevata della catena montuosa di Collserola, con ben 512 metri di altezza. Su questo monte, oltre il panorama sorprendente che guarda Barcellona, esiste un meraviglioso parco di attrazioni costruito più di cento anni fa e poi recuperato dal Municipio della città.

Non possiamo non citare lo Zoo di Barcellona: si trova all’interno del Parc de la Ciutadella (vedi più su); il miglior modo di trovarlo è di andare al parco e seguire le indicazioni per lo zoo. Nello zoo ci sono un’ampia varietà di animali da vedere, un ristorante, una zona pic nic, un negozio, macchine elettriche, pony e un mini-treno.

Il viaggio non terminerebbe qui perchè di posti da visitare ce n sarebbero molti altri: per far gioire gli occhi dei piccoli e riempirli di colori non dimenticate di passeggiare sulla Rambla e lasciarvi incantare dalle acrobazie degli artisti di strada, dei mimi o ancora visitare la Boqueria, il bellissimo mercato di Barcellona. S

ì: Barcellona ci è rimasta nel cuore, lo rimarrà anche nei vostri.