turismo e eventi per famiglie e bambini kid pass
Parco Archeologico di Paestum Tempio di Hera

Il Parco Archeologico di Paestum: un’esperienza indimenticabile per tutta la famiglia

da Lug 3, 2024

Home » Italia per famiglie » Campania » Il Parco Archeologico di Paestum: un’esperienza indimenticabile per tutta la famiglia

Alla scoperta del Parco Archeologico di Paestum che fa parte dei Parchi Archeologici di Paestum e Velia: vi raccontiamo la nostra esperienza con i bambini

Situati nella splendida regione della Campania, I Parchi Archeologici di Paestum e Velia rappresentano una destinazione perfetta per trascorrere una giornata in famiglia immersi nella storia millenaria della Magna Grecia. Con i loro magnifici templi dorici e le rovine antiche, i parchi offrono un’esperienza educativa e divertente per tutte le età. In questo articolo, esploreremo il Parco Archeologico di Paestum e il Museo di Paestum, la loro storia affascinante, i pezzi più importanti, l’accessibilità, le attività speciali dedicate alle famiglie, gli orari di apertura, i prezzi dei biglietti e gli eventi stagionali.

Il Parco Archeologico di Paestum

Paestum, antica città della Magna Grecia fondata dai coloni greci con il nome di Poseidonia, è celebre per i suoi templi dorici, tra i meglio conservati al mondo. Conquistata dai Lucani e poi dai Romani, che la ribattezzarono Paestum, la città venne scoperta nel XVIII secolo ed è oggi patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, uno dei tesori più amati della Campania. Gli scavi archeologici hanno riportato alla luce una città straordinariamente ben conservata, con templi, strade, case e mura che offrono un affascinante viaggio nel passato.

Parco Archeologico di Paestum e Velia

I pezzi più importanti del Parco Archeologico di Paestum

Il Parco Archeologico di Paestum ospita una ricca collezione di reperti storici e artistici di inestimabile valore. Tra i principali ritrovamenti ci sono:

  • Il tempio di Hera, conosciuto anche come “Basilica”, il più antico e meglio conservato tempio dorico del sito.
  • Il tempio di Nettuno, un esempio superbo di architettura dorica costruito intorno al 450 a.C.
  • Il tempio di Atena, situato in una posizione panoramica che offre una vista mozzafiato sul parco archeologico.
  • La tomba del Tuffatore, famosa per i suoi affreschi che rappresentano uno dei pochi esempi di pittura funeraria greca.
Paestum tempio

Storia del Museo Archeologico Nazionale di Paestum

Il Museo Archeologico Nazionale di Paestum, sorto nel 1952 all’interno della città antica, è una delle principali attrazioni culturali della Campania. Inizialmente costituito da un’unica sala con un aspetto architettonico di scuola piacentiniana, il museo è stato costruito sulle dimensioni della struttura che riproduceva il primo Thesauros del santuario di Hera. Questo nucleo originario è stato successivamente ampliato con nuovi ambienti costruiti intorno a un giardino interno e vetrate aperte verso l’esterno. Il nuovo allestimento del museo documenta l’evoluzione e le trasformazioni della città, dalla fondazione della colonia greca tra la fine del VII e gli inizi del VI secolo a.C. fino all’istituzione della colonia latina. Il percorso espositivo illustra le trasformazioni nell’organizzazione sociale e pubblica, i riti religiosi, la vita quotidiana, l’arte e l’artigianato. Una sezione introduttiva ricostruisce la storia della scoperta del sito archeologico, mentre un’altra sezione è dedicata alla preistoria.

La Sezione Romana

La sezione romana del museo sta per avere un allestimento tutto nuovo e a breve sarà di nuovo aperta al pubblico. Questa preziosa collezione documenta, attraverso materiali, plastici e grafici di ricostruzione, l’evoluzione storica della colonia latina dal 272 a.C., anno della conquista romana della città, fino alla decadenza. Il percorso espositivo approfondisce temi come l’urbanistica, i monumenti pubblici, gli spazi sacri, gli spazi privati, le necropoli e il territorio, e le strutture politiche e sociali.

Le Sculture dal Santuario di Hera al Sele

Una sezione importante del museo è costituita dalle decorazioni architettoniche e scultoree provenienti dagli scavi dell’Heraion del Sele. Le metope arcaiche in arenaria, parte del primo Thesauros, comprendono diciotto metope dedicate alle imprese di Eracle. Sono esposti anche numerosi ex voto (frammenti di terrecotte, vasi, oggetti in metallo e in osso) offerti dai fedeli al santuario, insieme a notevoli decorazioni a gronde leonine e dieci metope superstiti del tempio maggiore dell’Heraion, raffiguranti un gruppo di danzatrici.

La Tomba del Tuffatore

Tra i pezzi di inestimabile valore storico e artistico conservati nel museo, spiccano le lastre dipinte della Tomba del Tuffatore, unico esempio di pittura di età greca della Magna Grecia. Questa sepoltura a lastroni, chiusa da una copertura piana, presenta affreschi sulle pareti interne, tra cui la famosa lastra di copertura raffigurante un uomo che si tuffa in acqua, simbolo del passaggio dalla vita alla morte.

Le Tombe Dipinte del IV Secolo a.C.

L’uso delle tombe dipinte si afferma a Paestum in modo diffuso nel IV secolo a.C., durante il dominio lucano. A quest’epoca risale la ricchissima raccolta di pitture funerarie del museo, con lastre affrescate che decorano la parte centrale con fasce, corone, bende o rami. Successivamente, si diffonde l’uso di scene figurate per le tombe maschili, raffiguranti prevalentemente guerrieri a cavallo con elmo e corazza, mentre quelle femminili presentano elementi decorativi.

Scopri la magia depositi del Museo Archeologico Nazionale di Paestum

La vita dell’antica città di Poseidonia – Paestum non si esaurisce nei monumenti e nei manufatti del museo. A Paestum, esistono storie contemporanee che vanno oltre ogni sala espositiva. Dal 18 giugno 2022, i depositi di Paestum, che conservano un milione di reperti su 1400 mq, sono visitabili tutti i giorni, offrendo un’esperienza autentica. “Siamo felici di riprendere stabilmente le visite ai depositi di Paestum – dichiara il direttore, Tiziana D’Angelo – L’obiettivo è accompagnare i visitatori “oltre il museo”, fino al cuore del Parco, dove avvengono le cose prima della musealizzazione.” Questo progetto permette di esplorare i depositi senza ritocchi, entrando negli ingranaggi di una macchina culturale complessa. Visitare i depositi significa ascoltare la voce di chi lavora in questi ambienti e apprezzare il ricco patrimonio di Paestum. Scoprite le storie nascoste che animano il Parco Archeologico di Paestum.

Paestum Museo Archeologico Nazionale

I pezzi più importanti del museo archeologico nazionale di Paestum

  • La lastra del Tuffatore, che fa parte della famosa tomba del Tuffatore, con affreschi unici che rappresentano una scena di tuffo, un tema raro nell’arte funeraria greca.
  • Le metope dei templi, che sono rilievi scolpiti provenienti dai templi dorici del sito e illustrano scene mitologiche e della vita quotidiana dell’antica Poseidonia.
  • I crateri e i vasi dipinti, che mostrano esempi eccezionali della ceramica greca con scene mitologiche e quotidiane.
  • Le sculture in marmo, tra cui figure di divinità, atleti e cittadini illustri, che offrono una visione della vita religiosa e civile dell’epoca.
  • I mosaici e le decorazioni architettoniche, che aggiungono ulteriore ricchezza alla comprensione dell’arte e dell’architettura dell’antica Paestum.

Accessibilità del Parco Archeologico di Paestum e del Museo Archeologico Nazionale di Paestum

Il Parco Archeologico di Paestum e il Museo Archeologico Nazionale di Paestum sono progettati per essere accessibili a tutti i visitatori, con particolare attenzione alle esigenze delle persone con disabilità.

  • Disabilità motorie: l’ingresso principale è dotato di una rampa, e all’interno, i percorsi sono chiaramente segnalati per facilitare lo spostamento tra le diverse aree del parco. Le aree espositive principali sono completamente accessibili in sedia a rotelle, con rampe che conducono a tutte le sezioni
  • Accessibilità potenziata con i veicoli ZOOM UPHILL: recentemente, il Parco Archeologico di Paestum e Velia ha introdotto in via sperimentale i veicoli ZOOM UPHILL, veicoli elettrici off-road progettati per offrire accessibilità avanzata a visitatori con mobilità ridotta. Questi mezzi permettono ai visitatori di esplorare le aree più remote e panoramiche delle due località, inclusa l’acropoli di Velia e la mostra “Velia, la rinascita”. L’iniziativa rappresenta un passo significativo verso un’esperienza turistica più inclusiva e gratificante, sottolineando l’impegno del parco nel garantire accesso a tutti i suoi tesori storici e naturalistici.
  • Visite per non vedenti e ipovedenti: il museo archeologico nazionale di Paestum ha sviluppato programmi specifici per rendere la visita fruibile anche ai non vedenti e agli ipovedenti. Il museo offre percorsi tattili con riproduzioni tridimensionali di alcuni dei reperti più significativi. Sono disponibili audioguide appositamente progettate, che forniscono descrizioni dettagliate degli oggetti esposti e della storia del sito. Il personale del museo è formato per assistere i visitatori con disabilità visive, garantendo un’esperienza inclusiva e coinvolgente.
  • Accessibilità generale: il parco offre anche pannelli informativi in braille e mappe tattili per agevolare la visita. Inoltre, sono presenti servizi igienici accessibili in diverse aree del parco e del museo.
Accessibilità Parco Archeologico di Paestum e Velia

Il Parco Archeologico di Paestum e Velia è amico dei bambini

Per le famiglie con bambini e per le attività scolastiche, il parco offre una gamma di servizi utili:

  • Aree di sosta: nel museo ci sono tantissimi punti dove potersi sedere, ammirare i reperti, riposare con i bambini.
  • Arena: un’intera sala ospita un’arena teatro a gradoni dove poter vedere insieme contenuti educativi esclusivi.
  • Visite Guidate: pensate per i più piccoli ma coinvolgenti per tutti
  • Laboratori educativi: per famiglie e per scuole

Proposte educative e divertenti per le famiglie

Il Parco Archeologico di Paestum e il Museo Archeologico Nazionale di Paestum propone numerose attività educative e divertenti per coinvolgere i visitatori di tutte le età:

  • Visite guidate: appositamente pensate per le famiglie, condotte da guide esperte che raccontano la storia e le curiosità degli oggetti esposti in modo coinvolgente.
  • Laboratori interattivi: i bambini possono imparare e divertirsi sperimentando con materiali e attività legate all’antica storia di Paestum.
  • Percorsi tematici: esplorano vari aspetti della vita nell’antica Paestum, ideali per stimolare la curiosità dei più piccoli e avvicinarli alla storia in modo giocoso.
Attività Educative Parco Archeologico di Paestum

Orari e prezzi dei biglietti

Il Parco Archeologico di Paestum è aperto secondo i seguenti orari:

  • tutti i giorni: 8:30 – 19:30
  • aperture serali straordinarie e orari eventi speciali da consultare sul sito

I prezzi dei biglietti variano a seconda della stagione e dell’età dei visitatori, con agevolazioni per i giovani fino ai 25 anni. Sono disponibili periodicamente visite guidate gratuite e attività gratuite per le quali è importante prenotarsi: potete farlo sul sito del Parco Archeologico di Paestum e Velia.

Eventi speciali e attività stagionali al Parco Archeologico di Paestum e Velia

Durante tutto l’anno, il parco archeologico di Paestum organizza eventi speciali come cacce al tesoro, spettacoli teatrali e letture animate per coinvolgere visitatori di tutte le età. In particolare, durante l’estate, è possibile assistere al suggestivo videomapping del tempio di Nettuno, un evento che proietta luci e immagini sui templi antichi, trasformandoli in un palcoscenico di storia e mito. Un’altra rassegna estiva da non perdere è la festa della musica: noi ci siamo stati e non possiamo che consigliare di provare l’esperienza almeno una volta nella vita! Abbiamo ascoltato dell’ottima musica e degustato le specialità locali durante un’apertura serale straordinaria. Passeggiare tra i templi illuminati la sera ci ha lasciati incantati! Potete anche visitare gratuitamente il Parco la prima domenica del mese e vi consigliamo di tenere d’occhio i loro canali social sempre aggiornatissimi sugli eventi in corso!

Invito a esplorare il parco archeologico di Velia

Non perdere l’opportunità di visitare anche il parco archeologico di Velia, incluso nel biglietto d’ingresso a Paestum. Situato nelle vicinanze, Velia offre un’altra straordinaria occasione per esplorare le meraviglie dell’antica Magna Grecia con i suoi resti ben conservati e la sua storia affascinante. Qui potrete approfittare di tante visite guidate e attività per i più piccoli, lasciarvi meravigliare dalle mostre interattive, osservare gli archeologi al lavoro e anche avventurarvi sul Crinale degli Dei! Vi raccontiamo la nostra esperienza nell’articolo “Al Parco Archeologico di Velia con la famiglia: un’esperienza da veri Indiana Jones”.

La Regione Campania è uno scrigno di meraviglie: cultura, storia e paesaggi mozzafiato!

Il Parco Archeologico di Paestum e Velia rappresenta un tesoro di storia e cultura ed è in buona compagnia! Non perdete i nostri approfondimenti 

Campania a misura di bambino guide per famiglie

In Cilento con i bambini: tra archeologia e trekking facili

Stella Nosella

Stella Nosella

Stella Nosella è una scrittrice veneta, più volte candidata al Premio Strega Ragazzi, testimonial di lettura per la sua regione per i Piccoli Lettori. Scrive albi illustrati, narrativa, pubblicità, teatro, cinema e televisione; è stata responsabile editoriale dell'area ragazzi della casa editrice L'Orto della Cultura. Collaboratrice del portale Kidpass.it ed è Caporedattore della rivista trimestrale Kid Pass Magazine. Collabora come Project Manager e Agente per l'estero per C.atWork Creative.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

canzone kid pass siamo noi di nicole di danieli koi

DA SCOPRIRE

VACANZE FAMILY

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

RICEVI SUBITO UN REGALO DA KID PASS!

In omaggio la nostra guida: 10 città d’Italia da vedere con i bambini.

Resta aggiornato sulle migliori proposte family nella tua città e non solo!

 

Trattamento dati personali

Grazie per esserti iscritto! Riceverai via email il link per scaricare la guida.