turismo e eventi per famiglie e bambini kid pass
dormire casa tradizionale trulli puglia vacanza

Dormire in una casa tradizionale in Italia, per una vacanza “d’altri tempi”

da Mag 18, 2022

Home » Viaggi e vacanze per famiglie » Vacanze per famiglie in Italia » Dormire in una casa tradizionale in Italia, per una vacanza “d’altri tempi”

Con una storia ultramillenaria che ha visto incrociarsi popoli e culture diversi, e un territorio geograficamente ricchissimo, l’Italia è un paese dal patrimonio architettonico straordinario. E non parliamo di palazzi o castelli (di cui abbiamo scritto in questo articolo). Parliamo di case. O meglio, di case tradizionali: baite, casoni, trulli, sassi… abitazioni un tempo comuni che sono ora luoghi affascinanti, dove poter trascorrere una vacanza col sapore degli “altri tempi”.

Cosa sono le case tradizionali

La case tradizionali sono le case che identificano in modo inequivocabile il territorio al quale appartengono. E che, se le trovassimo da qualche altra parte, ci sembrerebbero molto strane: ve lo immaginereste un trullo in una valle alpina? No, vero?

Prima che si sviluppasse una sorta di “edilizia di massa”, infatti, la costruzione di una casa seguiva regole dettate da esigenze pratiche. Ad esempio, il tetto a spiovente in alta montagna per favorire lo scivolamento della neve. O il tetto piatto e le finestre piccole nelle latitudini più meridionali, per scongiurare il riscaldamento degli ambienti in estate.

Proprio questi accorgimenti, combinati ai gusti e ai materiali di cui si disponeva, hanno nel tempo consolidato degli stili ben definiti da territorio a territorio. Le case tradizionali sono ora diventate luoghi da riscoprire anche in senso turistico, soprattutto quelle legate a mestieri talora caduti in disuso, un po’ come i fari (qui l’articolo dedicato ai fari). Ecco una selezione da nord a sud.

Dormire in una casa tradizionale nel nord Italia

Baite e masi di montagna

Sono le tipiche case alpine, con la struttura di base in pietra, i piani e balconi in legno e i tetti a spiovente. Le caratteristiche possono variare anche da valle a valle, mentre il nome “maso” identifica meglio le case alpine in Trentino Alto-Adige. Gli abitanti erano contadini e allevatori: si può dire che a ogni baita o maso corrispondesse un’azienda agricola, con il suo fienile di fianco.

I casoni della laguna veneta

Erano diffusi in tutta la campagna veneta fino al mare, in particolare la zona della Saccisica padovana e in laguna (da Caorle a Bibione) ma si trovano anche nel delta del Po emiliano. A Caorle, all’interno del Parco del Pescatore, si può visitare un casone didattico costruito secondo la tradizione “caorlotta”. Per trascorrere una vacanza, invece, bisogna andare “a caccia”: molti casoni sono dati in affitto ai turisti direttamente dai proprietari, e le offerte si trovano sulle principali piattaforme di booking. Mentre, ancora nella laguna tra Caorle e Bibione, è sorto il Casanova Resort, con case ispirate ai casoni tradizionali.

Dormire in una casa tradizionale nel sud Italia

Trulli in Puglia

I trulli sono forse il tipo di casa tradizionale più noto. A pianta circolare e forma conica, con il caratteristico pinnacolo sulla punta, il trullo è una casa costruita con pietra a secco e finestre – quando ci sono – minuscole: questo la rende fresca d’estate e calda d’inverno. Anche per i trulli la radice è contadina: erano abitazioni o ricoveri di attrezzi. I più celebri sono quelli di Alberobello, patrimonio dell’Unesco dal 1996: molti, come i casoni veneti, sono affittati direttamente dai proprietari, ma è frequente anche la formula dell’albergo diffuso. 

Sassi di Matera

Nel 2019 i sassi di Matera sono tornati alla ribalta internazionale, nell’anno in cui questa splendida città rupestre è stata capitale europea della cultura. Cultura, quella materana, che nasce dal rapporto strettissimo con la roccia: gli abitanti per secoli (forse millenni) hanno scavato nel tufo buchi dove vivere e allevare animali. Si era però arrivati nel secondo dopoguerra a una condizione di degrado tale che Matera fu definita “vergogna d’Italia” e la costruzione di nuovi quartieri popolari determinò l’abbandono dei Sassi. Dagli anni Ottanta la loro riscoperta e valorizzazione, grazie alla quale i materani si sono rimpossessati con orgoglio della loro storia, che condividono volentieri con i turisti: si possono trovare alloggi per tutti i gusti e tutte le tasche.

 

Casanova resort caorle casoni
Casanova Resort – Casoni di Caorle
Antonella Scambia

Antonella Scambia

Antonella Scambia è giornalista freelance e collabora con Kid Pass dal 2016. La curiosità è alla base del suo mestiere, curiosità che mette al servizio dei lettori nelle ricerche che conduce per scrivere gli articoli, che siano itinerari, idee per vivere la cultura in famiglia o temi legati alla genitorialità.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

canzone kid pass siamo noi di nicole di danieli koi

DA SCOPRIRE

VACANZE FAMILY

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

RICEVI SUBITO UN REGALO DA KID PASS!

In omaggio la nostra guida: 10 città d’Italia da vedere con i bambini.

Resta aggiornato sulle migliori proposte family nella tua città e non solo!

 

Trattamento dati personali

Grazie per esserti iscritto! Riceverai via email il link per scaricare la guida.