Le più interessanti proposte culturali a livello nazionale in un’ottica family friendly: quali esposizioni possono risultare coinvolgenti e stimolanti tanto per i grandi che per i più piccoli? Ecco i nostri consigli.

Dopo un’estate di tuffi in mare, perché non programmare ora un tuffo nell’arte? L’autunno porta con sé numerose nuove mostre in tutta Italia: alcune di queste offrono percorsi specifici per i bambini davvero entusiasmanti, scoprite con noi quali sono le migliori in un’ottica family friendly.

Arte per tutte le età

Genova. Affascinante e adatta a tutte le età è la mostra Andy Warhol. Pop Society, a Palazzo Ducale, dal 21 ottobre 2016 al 26 febbraio 2017. Se la si visita nel fine settimana, vale la pena cogliere l’opportunità dei “sabati per le famiglie”: guidati da artisti e atelieristi, i piccoli partecipanti apprendono tecniche e sperimentano nuovi linguaggi per dar vita ad originali creazioni artistiche (tutti i sabati alle 16, per bambini dai 5 agli 11 anni). Un’altra proposta è Nella stanza delle storie (in collaborazione con la libreria L’albero delle Lettere): in compagnia del noto cantastorie Dario Apicella parole, racconti, musiche e canzoni si fondono in un coinvolgente intrattenimento per adulti e bambini (programmi differenziati per bambini da 1 a 3 anni e da 3 a 5 anni). Non è finita, durante la settimana si può partecipare ai laboratori in inglese (6 – 11 anni), a quelli dedicati ai nonni e nipotini (dai 4 anni) e ancora a quelli che prevedono l’utilizzo di robot. Vi segnaliamo infine, che accanto alla biglietteria di Palazzo Ducale, c’è uno spazio dedicato ai bambini e alle famiglie: luogo di sosta, ma anche ambiente per orientarsi nella visita in città e giocare con le mostre in corso.

Milano. Nel museo a misura di bimbo per eccellenza, il MUBA – Museo dei bambini, è in corso fino al 26 marzo Vietato non toccare, mostra dedicata a Bruno Munari, uno dei massimi protagonisti dell’arte, del design e della grafica del XX secolo. L’esposizion -gioco è rivolta in particolare ai più piccoli e vuole offrire alla città un momento privilegiato di azione e riflessione sul potenziale creativo dei bambini che, insieme alle famiglie, possono esplorare le diverse installazioni con tutto il corpo, vivendo un’esperienza unica e suggestiva: toccare, manipolare, comporre, scomporre, sperimentare sono parte del processo di apprendimento tipico dell’infanzia. Biglietti acquistabili online o in cassa sino a esaurimento posti: la visita è a orari fissi e a numero chiuso, si consiglia di consultare la disponibilità online.

Milano. A Palazzo Reale fino al 22 gennaio 2017 si può visitare la mostra Hokusai, Hiroshige, Utamaro, con una selezione di oltre 200 opere dei tre maestri giapponesi. Gratuita per i bambini fino a 6 anni, il sabato propone visite con laboratori differenziati per età: “1, 2, 3… stampa!” è dedicato ai bimbi di 4 – 5 anni e propone antiche favole e leggende del Giappone, “A scuola da Hokusai” è un percorso di conoscenza della xilografia pensato per i bambini dai 6 ai 10 anni, mentre “Xilografando” è dedicato agli adolescenti.

Torino. Fino al 19 febbraio la Reggia di Venaria ospita la rassegna Brueghel. Capolavori dell’arte fiamminga, importante collettiva dedicata ai più grandi esponenti dell’arte fiamminga attivi tra il XVI e XVII secolo. Nell’ambito delle attività previste per i bambini dai 6 ai 10 anni, La reggia dei bambini, parte il 22 ottobre Aguzza la vista! Brughel. Capolavori dell’arte fiamminga, proposta che si compone della visita e del laboratorio grafico che invita i ragazzi a riprodurre alcuni particolari delle opere esposte (prenotazione necessaria: prenotazioneservizieducativi@lavenariareale.it).

Ferrara. La città si prepara a festeggiare un importante anniversario: Orlando Furioso 500 anni. Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi è il titolo dell’evento che fino all’8 gennaio 2017 metterà insieme a Palazzo dei Diamanti i capolavori di Mantegna, Paolo Uccello, Tiziano e tanti altri, il cui patrimonio iconografico ha senza dubbio ispirato il letterato italiano nella composizione delle sue opere e di quello che fu il suo poema più famoso, L’Orlando Furioso, pubblicato per la prima volta cinque secoli fa. Ai ragazzi e ai genitori è dedicato il progetto Cosa immaginava Ariosto e cosa vedo io ad occhi chiusi?, che unisce la visita animata della mostra ad un laboratorio alla Pinacoteca Nazionale di Ferrara. Per i più giovani è poi disponibile il libro Orlando Pazzo nel Magico Palazzo,edito da Ferrara Arte Editore.

Family friendly… ma non troppo

Roma. Nella suggestione rinascimentale del Chiostro del Bramante fino al 19 febbraio 2017 arriverà Love. L’arte contemporanea incontra l’amore, collettiva d’eccezione che mette insieme i più grandi nomi dell’arte contemporanea, da Andy Warhol a Tom Wesselmann. Qui non vi sono attività specifiche per bambini legate all’esposizione, tuttavia è possibile fermarsi per corsi a loro dedicati in inglese e in italiano, studiati per supportare lo sviluppo delle abilità fisiche, intellettuali e sociali dei bambini, in un contesto di gioco di gruppo e coinvolgendo per alcuni corsi in maniera attiva anche i genitori (programmi Gymboree). Tutte le lezioni si svolgono al secondo piano negli ambienti sopra la caffetteria del Chiostro.

Napoli. Vermeer a Capodimonte, il pittore olandese, noto per la Ragazza con l’orecchino di perla, arriva al Museo di Capodimonte dal 21 novembre al 9 febbraio 2017, portando per la prima volta La suonatrice di liuto, custodita dal Met di New York. L’accesso è gratuito fino a 18 anni e il museo partecipa a Scopri il tuo museo, un progetto sperimentale nazionale di educazione al patrimonio culturale, attraverso lo strumento didattico della mappa tematica. Il Museo e il Bosco di Capodimonte sono raggiungibili con la navetta Shuttle Capodimonte che li collega al centro cittadino.

Offerte limitate per i bambini

Le seguenti proposte non hanno un vero e proprio programma studiato per l’infanzia, ma la scontistica consente di visitare in famiglie le mostre in calendario, tutte di grande valore.

Perugia. Per celebrare il centenario della nascita di Alberto Burri, artista che contribuì ad influenzare alcuni dei più importanti esponenti della scena contemporanea mondiale, da Fontana a Manzoni, da Christo a Pollock, negli Ex Seccatoi del Tabacco di Città di Castello è stata allestita la retrospettiva Alberto Burri: lo Spazio di Materia – tra Europa e U.S.A, fino al 6 gennaio 2017. Non sono previste attività o visite per i bambini, unica agevolazione la visita guidata per famiglia ad un prezzo scontato.

Verona. Fino al 5 marzo 2017 a Palazzo della Gran Guardia si potrà ammirare la mostra Maya. Il linguaggio della bellezza, racconto di una cultura affascinante e magica, che saprà coinvolgere adulti e bambini. Tuttavia, mentre la proposta per le scuole è ricca e interessante, non sono previste attività per le famiglie in visita, se non l’ingresso gratuito per i bambini fino a 4 anni.

Treviso. Dal 29 ottobre al prossimo 17 aprile, al Museo di Santa Caterina sta per arrivare Storie dell’Impressionismo. I grandi protagonisti da Monet a Renoir, da Van Gogh a Gauguin, dedicata ad una delle correnti artistiche più amate e riprodotte di sempre. Anche in questo caso non sono previste visite o laboratori a misura di bimbo, unici plus per le famiglie sono l’ingresso gratuito fino a 5 anni e la disponibilità di audioguide per bambini. I più piccoli possono accedere solo con il marsupio, non sono infatti ammessi passeggini e carrozzine.