Chi si sposa e ha già dei figli sempre più spesso sceglie di partire assieme a loro: oggi si tratta del 5% delle coppie, che si orienta verso distanze e destinazioni adatte anche ai più piccoli

Sono sempre di più le coppie che si sposano dopo aver avuto dei figli, trasformando la luna di miele in un viaggio per tutta la famiglia. Secondo CartOrange, il più grande network specializzato in viaggi di nozze, nel 2014 sono andate in luna di miele con i figli il 5% delle coppie che si sono rivolte a loro, con un aumento del 30% dal 2007 a oggi.

Quali sono le esigenze dei neosposi con prole? Il tipo di viaggio richiesto varia a seconda dell’età del bambino e delle esigenze della famiglia. “Di solito chi ha figli con meno di tre o quattro anni preferisce una vacanza più stanziale, con hotel family friendly vicini al mare e, se possibile, anche a un ospedale. Si cercano solo mare e relax, limitando al minimo i trasferimenti, oppure si preferiscono compagnie aeree che forniscono servizi aggiuntivi, come il babysitting. Si prediligono strutture che hanno tutti i comfort per i bambini come culle, lettini con sponde, scalda biberon e menù bimbi” spiega Gianpaolo Romano, amministratore delegato di CartOrange.

Quando i bambini sono più grandi invece si preferisce abbinare al mare una vacanza più attiva. Non ci sono limiti per le destinazioni, eccetto i Paesi che richiedano vaccinazioni o profilassi sanitarie, sconsigliati per i più piccoli.

Tra le mete più gettonate, ci sono isole vicine e lontane: dalle coste della Sardegna, dove spiagge sabbiose e mare cristallino sono l’ideale per chi ha bimbi con meno di tre anni e l’offerta di strutture e villaggi adatti a famiglie con bambini è molto vasta, alle Baleari e in particolare Maiorca, la più attrezzata, e Formentera, modaiola. Meta d’eccellenza per i viaggi di nozze, poi, le Maldive rappresentano una destinazione consigliata anche per chi viaggia con i bimbi: le spiagge sabbiose, il mare che degrada lentamente, i pesci colorati da osservare con la maschera, le molte strutture che offrono anche il servizio di mini club ne fanno un paradiso per tutta la famiglia.

Non meno paradisiache, le Mauritius, che sono raggiungibili con voli notturni che favoriscono il riposo dei bambini durante il tragitto. O, ancora, Capo Verde: un buon compromesso tra una località dal gusto esotico e la tranquillità di un’offerta di strutture a misura dei piccoli viaggiatori.

E che dire del Messico? Oltre a spiagge bianche e mare cristallino, offre splendide escursioni nei siti archeologici degli antichi Maya e Aztechi che con le loro piramidi e città perdute sapranno affascinare grandi e bambini.

Oltre oceano si possono considerare pure gli Stati Uniti, soprattutto la California con i suoi splendidi parchi nazionali. Da visitare poi la città di San Francisco: un giro in Cable Cars sarà indimenticabile per i più piccoli.

Qualcosa di più insolito? Il Sudafrica, che può sembrare una meta un po’ azzardata, ma in realtà per i bambini è adattissima, anche perché non richiede vaccinazioni. E per i piccoli il safari sarà un’esperienza indimenticabile.