Didattico, interattivo e coinvolgente: è il Museo di Geografia che nasce a Padova e sarà visitabile da dicembre.

Il primo Museo di Geografia in Italia e in Europa

Dopo circa sette anni di lavoro, nella celebre Università di Padova nasce il primo Museo di Geografia d’Italia e d’Europa, con l’obiettivo di rilanciare il ruolo di questa disciplina spesso poco considerata.

Il Museo sarà ospitato nel prestigioso Palazzo Wollemborg, sede dell’attuale sezione di Geografia del DiSSGeA (Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità) e sarà visitabile a partire dal 3 dicembre 2019, data dell’inaugurazione ufficiale presso l’Aula Magna del Bo. A partire da quel giorno, il museo sarà visitabile ogni venerdì pomeriggio e sabato mattina e sarà possibile prenotare visite guidate per scolaresche e gruppi in altri momenti della settimana.

Il percorso museale

La prima sezione,Esplora, è consacrata alle esplorazioni geografiche, con una contaminazione tra reperti antichi e moderni strumenti tecnologici; la seconda, Misura, al tema del clima; la terza, Racconta, ai tre concetti chiave della geografia contemporanea: luogo, territorio, paesaggio, in un percorso multisensoriale immersivo attraverso luci, immagini, filmati, suoni e profumi.

Oltre le tre sale, anche la Sala della Musica, recentemente restaurata, che ospita tre grandi riproduzioni di mappe storiche e una serie di antichi globi, e la Biblioteca, dove è ospitato il nucleo principale della collezione di plastici storici. Visitabili al pubblico, quando non impegnate da lezioni, sono infine le tre aule didattiche (Africa, Alpi, Adriatico) che espongono al loro interno carte e immagini della ricerca geografica patavina.