turismo e eventi per famiglie e bambini kid pass

In vacanza con mamma o con papà: qualche regola e molte idee

da Lug 28, 2017

Home » Guide per genitori » In vacanza con mamma o con papà: qualche regola e molte idee

Le vacanze mono-parentali sono sempre più frequenti: il tratto distintivo della mamma è l’organizzazione impeccabile, mentre per i papà ciò che più conta è offrire ai bimbi un’esperienza giocosa. A supporto di entrambi sono disponibili numerosi siti e app per scegliere la destinazione migliore e pianificare tutto al meglio. Oltre che divertentissimi blog

Qualche anno fa, nel 2014, si diede risalto sui media ad un dato emerso dall’Osservatorio nazionale del turismo: i viaggi “mono-genitore” interessavano il 12% delle famiglie italiane intervistate, con una maggiore concentrazione al Nord (70%). I bambini, in base allo studio, se trascorrono la vacanza principale con un solo genitore, seguono soprattutto la mamma e solo in pochi casi (circa 14%) il papà. A distanza di qualche anno, sulla scia di questo nuovo target (mamma o papà e bambino), le strutture ricettive si stanno adeguando, personalizzando le proposte e le offerte per essere più vicini alle nuove esigenze. Ma cosa significa viaggiare soli con un bambino?

La mia esperienza

Navigando tra i blog delle mamme e dei papà che viaggiano con i propri figli emerge che non si tratta di un’esperienza facile, almeno all’inizio, tuttavia l’aspetto più interessante è che questi genitori ce la fanno, riuscendo a far sì che l’esperienza risulti appagante e arricchente sia per loro che per i bambini. La regola uguale per tutti è l’organizzazione, ma non ci si deve limitare a quella. Nella mia esperienza personale (da diversi anni ogni estate trascorro una settimana solo con le mie figlie, ora di 9 e 5 anni, al mare) ho imparato l’importanza dell’atteggiamento con il quale si affronta la vacanza: deve essere sereno, consapevoli del fatto che se impostiamo il viaggio adeguandoci ai tempi e alle esigenze dei bambini tutto andrà bene. Anzi, più che bene, perché poter avere una “finestra di relax” dal tran tran quotidiano da condividere con loro può essere un’esperienza profonda e meravigliosa. Ho osservato, infatti, che quando i bambini si rapportano con un solo genitore sono meno capricciosi (forse perché sanno che non hanno una “seconda chance” da poter tentare) e, se già grandicelli, più collaborativi e propositivi. Andare in vacanza con i bambini aiuta a costruire o rinsaldare il rapporto diretto genitore-figlio non condizionato dalla presenza dell’altro genitore, facilita lo scambio (di opinioni, esperienze, coccole) e sì: incredibilmente diventa appagante e anche rilassante.

In viaggio con mamma

Le mamme risultano organizzatissime e in rete raccontano come hanno affrontato le difficoltà, tutto a beneficio di altri genitori che vogliano mettersi in viaggio soli con i bimbi. è il caso di Federica Piersimeoni, mamma e blogger che dispensa i cinque consigli per lei fondamentali:

1) in aereo, o in traghetto, aver con sé fascia porta bebè e cambio se si viaggia con un neonato;

2) cibo e acqua sempre a disposizione, beauty routine e guardaroba essenziale;

3) rispetto per gli orari del piccolo viaggiatore;

4) smartphone e macchina fotografica con caricabatterie;

5) sostituire la borsa con le tasche per avere le mani sempre libere.

Sono tre le regole, invece, che la mamma single che si racconta nel blog Amoreaitempidiunbambino ha elaborato dopo un viaggio a Lanzarote con il figlio di tre anni:

1) partire leggeri: Io ad esempio porto solo bagagli a mano + passeggino. Che ci fate con mille vestiti, il phon, lo shampoo apposito per bambini e il borotalco da viaggio? Lasciate tutto a casa che è meglio. Viaggiare vuol dire anche questo: uscire dalla comfort zone;
2) programmare al meglio il viaggio, pensando a come ci si può divertire e al contempo intrattenere i bambini, senza tuttavia farsi mai troppo frenare dai pargoli e rimanendo sempre flessibili;
3) importantissimo: non dare peso ad ogni capriccio e ad ogni leccata per terra del vostro bambino per non rischiare di ricadere negli snervanti schemi quotidiani e rovinarsi la vacanza.

In viaggio con papà

Succede che sempre più spesso sia il papà a portare da solo in vacanza i figli, sia che si tratti di scelta o di essere single per qualsivoglia motivo della vita. Fabio è creatore di contenuti web, fotografo, video-maker e travel blogger: gestisce con la compagna Giulia Bambiniconlavaligia. In famiglia – scrive – spesso sono le donne a programmare i viaggi, perciò quando gli uomini si trovano nella situazione di dover partire da soli con i bambini altrettanto spesso si trovano in difficoltà. Sulla parola magica che è, ovviamente, “organizzazione”, Fabio consiglia: Se non ci si vuole affidare ad una agenzia di viaggio meglio scartabellare un bel po’ di siti web e buttare giù una scaletta, magari proprio con i bambini o ragazzi! Partecipando tutti assieme al progetto di viaggio o vacanza avrete modo di costruire con loro qualcosa di importante. Ultimo suggerimento – conclude – è quello di fare con i tuoi figli quello che non fanno con mamma. Magari qualcosa di più avventuroso, qualcosa di speciale che renda unico questo momento insieme. Si sa che i papà sono un pizzico più spericolati e a volte più divertenti. Alla fine quello che conta è lo stare assieme, e trasmettere ai tuoi bambini quello che per un motivo o per l’altro non avete modo di fare in altre situazioni.
Non sono pochi i papà che, come Fabio, viaggiano con i bambini e affidano poi le loro riflessioni ad un blog o ad una pagina Facebook. Francesco, papà napoletano ideatore del blog Mo’ te lo spiego a papà, ha raccontato per esempio l’esperienza unica di un weekend a Roma fra tre generazioni, con i suoi due figli e il padre: Un viaggio diverso dal solito perché non c’era né la mamma né la nonna, un viaggio ricco di cose da fare e di sorprese, un viaggio che vi consiglio perché a me ha fatto bene al cuore. Beppe, nella sua pagina fan “Papà travel experience”, in uno dei primi post riassume il senso più profondo di condividere nuove mete con la sua bambina: Perchè Lei non sarà mai un motivo per non viaggiare, ma il motivo per farlo. Perchè Lei non è una bambina, ma una donna che sta scoprendo il mondo.

Mete e app utili: un tesoro in Internet

Negli ultimi anni sono nati numerosi siti che selezionano proposte di viaggio e vacanze per genitori che viaggiano da soli con i propri bambini. Tra questi segnaliamo: Vacanzepergenitorisingle.it, che include proposte in diverse località dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Toscana; ma anche il sito Smallfamilies, il primo portale delle famiglie “a geometra variabile”, che attraverso l’esperienza diretta di numerosi genitori offre nella categoria “viaggiare e incontrarsi” del proprio blog una serie di suggerimenti su dove andare e come risparmiare. Il sito Singleparentsonholiday presenta un catalogo di destinazioni sia in Italia che all’estero, con pacchetti in Austria, Croazia, Spagna, Grecia e Marocco; mentre Vacanzebimbi.it, dedicato ai viaggi in famiglia, ha una sezione dedicata alle vacanze dei genitori single. La tecnologia, infine, ci viene in aiuto con alcune app che possono facilitarci la preparazione e il corso del viaggio. A cominciare da Baby Travel, app per Iphone che contiene consigli, trucchi e liste di cose da ricordare per viaggiare con i bambini. Simile e disponibile anche per Android è Baby pack ßamp; go, che permette di completare liste di ciò che serve per il bambino prima di partire. E per trovare luoghi e servizi family friendly nelle città italiane c’è, ovviamente, anche Kid Pass!

Ilaria Tonetto

Ilaria Tonetto

laria Tonetto è una giornalista pubblicista e un’esperta nella comunicazione di progetti culturali e di promozione territoriale, dal 2007 dirige l’agenzia trevigiana Koiné Comunicazione. Se ne intende di luoghi, ma anche di bambini: la maggior parte delle sue avventure nell’ultimo decennio le ha condivise con le figlie, di 12 e 8 anni, potendo sperimentare personalmente tutte le modalità di “viaggio con la famiglia”. È una delle firme storiche di Kidpass.it, per il quale si occupa di raccontare gli itinerari di viaggio con i più piccoli in Italia, mixando l’esperienza di giornalista e lo spirito di sopravvivenza di mamma, e di selezionare e segnalare appuntamenti con l’arte per tutte le età.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

canzone kid pass siamo noi di nicole di danieli koi

DA SCOPRIRE

VACANZE FAMILY

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

RICEVI SUBITO UN REGALO DA KID PASS!

In omaggio la nostra guida: 10 città d’Italia da vedere con i bambini.

Resta aggiornato sulle migliori proposte family nella tua città e non solo!

 

Trattamento dati personali

Grazie per esserti iscritto! Riceverai via email il link per scaricare la guida.