turismo e eventi per famiglie e bambini kid pass
Sozopato illustrazione bambini

Intervista all’artista Sofia Zapata

da Set 20, 2020

Home » Notizie e curiosità » Intervista all’artista Sofia Zapata

Continua il viaggio #congliocchideibambini negli stati del Sud America: Andiamo in Ecuador per conoscere la grandiosa artista Sofia Zapata, in arte Sozapato, che ha rappresentato i suoi piccoli connazionali.

Ciao Sozapato! Grazie di aver accettato di rappresentare l’Ecuador attraverso il progetto #congliocchideibambini, presentati ai lettori di Kidpass!
Sono Sozapato, illustratrice e attrice clown. Come illustratore ho lavorato per più di 14 anni, pubblicando con editori in Ecuador, Colombia, Cile, Brasile, Messico, Spagna e Cina. Attualmente sono specializzata in albi illustrati, formato che amo per le sue tante linee narrative con cui è possibile affrontare vari argomenti, partendo da una storia apparentemente semplice. Ho alcune pubblicazioni come autore: Colorín Colorado, Matilde, Debajo de hoy, Distinta e Delfines en el cielo. Come attrice, lavoro professionalmente da più di 8 anni. Faccio parte del gruppo teatrale Chalata Clown e ho potuto rappresentare l’Ecuador in paesi come Colombia, Perù, Bolivia, El Salvador e Messico. Entrambe le professioni, oltre ad essere il mio sostegno finanziario, rappresentano la mia dose quotidiana di gioco, coraggio e riflessione.

Sei la portavoce dei bimbi dell’Ecuador, in che città vivi e cosa caratterizza di più la tua terra?
Sono nata in Ecuador.
L’Ecuador è ben noto all’estero per i suoi “santuari naturali”. Ecosistemi unici come le Isole Galapagos (dove Darwin sviluppa la sua teoria) e il Parco Nazionale Yasuní (considerato uno dei grandi polmoni del mondo). Due aree che, devo dire, oggi, sono minacciate rispettivamente da enormi flotte di pesca e compagnie petrolifere.
L’Ecuador è un piccolo paese, che ha molte ricchezze naturali e culturali (molti gruppi etnici e visioni del mondo); in uno spazio di terra molto piccolo, coesistono 4 regioni naturali molto diverse: Costa, Sierra, Amazzonia e regione insulare (Isole Galapagos).

Il mondo sta cambiando e dobbiamo fare i conti con una nuova realtà, com’è vissuta nel tuo paese?
Quando è iniziata la pandemia, Guayaquil era la città più colpita dell’Ecuador, ma attualmente la città con il maggior numero di infezioni è la capitale, Quito, la città in cui vivo. Siamo in reclusione da più di 5 mesi quindi possiamo già sentire la stanchezza generale, tuttavia continuiamo a cercare di dare ottimismo alle giornate; prendersi cura di noi stessi sì, ma evitare che la paura ci divori la testa.

illustrazione sozopato #conocchideibambiniHai rappresentato la visione dei bimbi del tuo paese con un’illustrazione ricca di pathos e densa di significato: come hai scelto il soggetto?
Il tema che ho scelto è stato il confinamento, ma non dall’aspetto negativo della noia, dell’immobilità o della lontananza, ma piuttosto il confinamento come atto amorevole di protezione familiare, dove i bambini, forse inconsciamente, giocano un ruolo molto importante: iniettare il rinnovamento e la vita attraverso il gioco e il sorriso.
Ho scelto una silhouette femminile perché “la madre” è un simbolo strettamente legato alla protezione della casa e della famiglia. La sua gonna svolge il ruolo di una gabbia, una protezione che non limita la fluidità e il colore delle silhouette dei bambini. Gli elementi naturali che sgorgano dalla terra, dall’interno verso l’esterno, rendono conto di “ciò che vive” oltre le mura e delle grigie tragedie che circondano questa casa.
La silhouette femminile, inoltre, porta sulla schiena un elemento che ritengo molto andino e particolarmente ecuadoriano: la “sciarpa”. Un pezzo di stoffa usato, soprattutto dalle donne, per “legare” i bambini vicino al corpo e avere così le mani libere per coltivare la terra e lavorare.
I volti sono rossi per eliminare ogni tentativo di identificazione razziale; Penso che sia più interessante incontrarsi e riconoscersi nell’interazione dei corpi e nel simbolismo degli elementi, che nelle apparenze stereotipate.

Quale frase sceglieresti per accompagnare la tua illustrazione?
La parola che rappresenta e descrive la mia immagine è “terra”. Credo che questa parola-elemento sintetizzi tutte le sfumature che ho voluto affrontare con la mia immagine: generosità, fertilità, protezione, lavoro, cibo … vita.

Manda un saluto ed una frase di incoraggiamento ai piccoli lettori di Kidpass!
Grazie a tutte le ragazze e ai ragazzi del mondo e in particolare ai miei ragazzini ecuadoriani per aver ispirato questa immagine e per aver iniettato, con i loro sorrisi e giochi, più verità nel mondo. Non smettere mai di giocare, amatevi molto e siate coraggiosi ad agire con saggezza e rispetto.

sozapato illustratrice

Our project is going to Ecuador to meet the great artist Sozapato and her illustration that represent Ecuador’s children during this strange and hard historical period.
Hi Sozapato! Thank you to have joined our project: introduce yourself to our readers!
I’m Sozapato, illustrator and clown actress. As an illustrator I have worked for over 14 years, publishing with publishers in Ecuador, Colombia, Chile, Brazil, Mexico, Spain and China. Currently I specialize in picture books, a format that I love for its many narrative lines with which it is possible to address various topics, starting from an apparently simple story. I have some publications as an author: Colorín Colorado, Matilde, Debajo de hoy, Distinta and Delfines en el cielo. As an actress, I have been working professionally for more than 8 years. I am part of the Chalata Clown theater group and have been able to represent Ecuador in countries like Colombia, Peru, Bolivia, El Salvador and Mexico.Both professions, in addition to being my financial support, represent my daily dose of play, courage and reflection.
You represent Ecuador’s children’s point of view during those difficult times, where are you living and what makes your city famous in the world?
I was born in Ecuador.
Ecuador is well known abroad for its “natural sanctuaries”. Unique ecosystems such as the Galapagos Islands (where Darwin develops his theory) and the Yasuní National Park (considered one of the great lungs of the world). Two areas that, I must say, today are threatened by huge fishing fleets and oil companies respectively.
Ecuador is a small country, which has many natural and cultural riches (many ethnic groups and world views); In a very small space of land, 4 very different natural regions coexist: Costa, Sierra, Amazonia and island region (Galapagos Islands).
Our world is changing quickly and, with him, our behavior: how is the situation in your country?
When the pandemic started, Guayaquil was the most affected city in Ecuador, but currently the city with the most infections is the capital, Quito, the city where I live. We have been in prison for more than 5 months so we can already feel the general tiredness, however we continue to try to give optimism to the days; taking care of ourselves yes, but avoiding fear from eating our heads.
You sent us a powerful illustration full of sense and meanings. How did you choose the subject?
The theme I chose was confinement, but not from the negative aspect of boredom, immobility or distance, but rather confinement as a loving act of family protection, where children, perhaps unconsciously, play a very important role: inject renewal and life through play and smile.
I chose a feminine silhouette because “the mother” is a symbol closely linked to the protection of the home and family. Its skirt plays the role of a cage, a protection that does not limit the fluidity and color of children’s silhouettes. The natural elements that flow from the earth, from the inside out, account for “what lives” beyond the walls and the gray tragedies that surround this house.
Furthermore, the female silhouette carries on its back an element that I consider very Andean and particularly Ecuadorian: the “scarf”. A piece of cloth used, especially by women, to “tie” children close to the body and thus have their hands free to cultivate the land and work.
The faces are red to eliminate any attempt at racial identification; I think it is more interesting to meet and recognize each other in the interplay of bodies and in the symbolism of the elements, than in stereotyped appearances.
Give to our readers a sentence to accompany your illustration.
The word that represents and describes my image is “earth”. I believe that this word-element summarizes all the nuances that I wanted to address with my image: generosity, fertility, protection, work, food … life.
Greet our readers with a wish.
Thanks to all the girls and boys in the world and especially my Ecuadorian kids for inspiring this image and for injecting more truth into the world with their smiles and games. Never stop playing, love yourself a lot and be brave to act with wisdom and respect.

Leggi il progetto con tutte le interviste degli illustratori dall’Italia e dal mondo

#congliocchideibambini, le visioni dei piccoli secondo gli illustratori italiani e del mondo

Stella Nosella

Stella Nosella

Stella Nosella è una scrittrice veneta, più volte candidata al Premio Strega Ragazzi, testimonial di lettura per la sua regione per i Piccoli Lettori. Scrive albi illustrati, narrativa, pubblicità, teatro, cinema e televisione; è stata responsabile editoriale dell'area ragazzi della casa editrice L'Orto della Cultura. Collaboratrice del portale Kidpass.it ed è Caporedattore della rivista trimestrale Kid Pass Magazine. Collabora come Project Manager e Agente per l'estero per C.atWork Creative.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

canzone kid pass siamo noi di nicole di danieli koi

DA SCOPRIRE

VACANZE FAMILY

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

RICEVI SUBITO UN REGALO DA KID PASS!

In omaggio la nostra guida: 10 città d’Italia da vedere con i bambini.

Resta aggiornato sulle migliori proposte family nella tua città e non solo!

 

Trattamento dati personali

Grazie per esserti iscritto! Riceverai via email il link per scaricare la guida.