Quasi 5 milioni di pezzi Lego: bambini e ragazzi potrebbero impazzire. E’ quanto è stato ritrovato dai figli della signora Tracey Williams prima su una spiaggia del Devon Meridionale poi in Cornovaglia. Tutti Lego a tema marino: un raro polpo nero, un drago, pinne rosse e blu e tanti altri pezzi che affioravano dalle acque in riva al mare e che la signora e i figli cominciarono a collezionare, domandandosi il motivo e la provenienza di quei pezzi. Tracey si mise a fare ricerche su Google trovando che quei pezzi erano fuoriusciti da uno dei 62 container persi in mare dalla nave cargo Tokyo Express durante la spaventosa tempesta incontrata mentre era diretta a New York nel febbraio del 1997, e ora vagavano per l’ oceano, dopo essere rimasti intrappolati per 17 anni sui fondali. In tutto 5 milioni di pezzi, non ancora rintracciati tutti. La Williams ha anche aperto una pagina su Facebook dal titolo “Lego Lost At Sea” per condividere con altri appassionati i ritrovamenti dei Lego perduti e fra le numerose segnalazioni che le sono arrivate (per lo più dalla Gran Bretagna) ce n’ è stata anche una da Melbourne, in Australia, sebbene non sia ancora chiaro se le pinne rinvenute appartengano allo stesso carico della Tokyo Express.