Qualche consiglio di lettura: i racconti giusti per queste ultime settimane di vacanza

Le vacanze sono quasi finite e già pensiamo a cosa mettere nello zainetto. Ogni anno queste ultime settimane vengono vissute tra l’entusiasmo per l’inizio di una nuova avventura e la tristezza di chi sa che presto dovrà rimettere al loro posto palette e secchielli. Ma c’è ancora tempo per godersi una bel libro prima di ritornare sui banchi di scuola.

Iniziamo con una storia già molto conosciuta e amata, ma che è sempre un piacere rileggere: Federico. Dalla penna di Leo Lionni esce un topino speciale, che viene scambiato dai suoi amici per uno scansafatiche. Infatti, mentre tutti gli altri topini di campagna si danno da fare per organizzare le provviste per l’inverno, Federico è troppo impegnato per dare una mano: se ne sta fermo immobile a raccoglie i raggi del sole, i colori e le parole. E saranno proprio queste speciali provviste raccolte con amore dal topino poeta, a salvare lui e i suoi amici dal gelido e grigio inverno.

Ma eccoci a parlare di una guida turistica: Mestre, c’era una volta un castello è il libro che Erika Rombolotto, insegnante di scuola primaria veneziana, ha scritto per i nostri piccoli esploratori. Si parte da molto lontano per ricostruire la storia di Mestre, la città alle porte di Venezia che si narra fu fondata da condottieri di ritorno dalla Guerra di Troia. Luogo di vivaci scambi in epoca romana, risalendo i secoli si incontrano Longobardi, Veneziani, imperatori francesi e austro-ungarici. In compagnia di Mestrella, una simpatica tartaruga di fiume, scopriremo i segreti custoditi dalle vie del centro storico.

E chi salverà i sogni dei bambini? Bianca e il Rubasogni di Luca Nocella ci racconta la storia di un paese dove un misterioso Grigio Signore cerca di rubare i sogni e la fantasia dei bambini. Ma sarà possibile rinchiuderli? No, i sogni dei bambini sono così sconfinati e puri da resistere a chi vorrebbe portarli via. E così Alessandro Coppola ci restituisce con le sue illustrazioni tutti quei colori che sembravano essere stati rubati per sempre da chi invece non sa più cosa significhi sognare.

Se invece a settembre è in programma l’iscrizione a un corso di nuoto, ma la silhouette non ricorda proprio quella di un agile pesciolino rosso, la storia perfetta è quella raccontata da Davide Calì e illustrata dalla mano di Sonja Bougaeva. Marilena la balena ci porta nella vita di Marilena, una tenerissima bambina un po’ cicciottella che al corso di nuoto viene presa in giro dai compagni, e inizia così a odiare i tuffi e tutti gli stili. Ma le paure si sa, possono essere superate, e Marilena, dopo aver ascoltato alcuni ottimi consiglia del suo istruttore, scivola elegante come una barca a vela sul pelo dell’acqua. In fondo è semplice, basta credere un po’ di più in se stessi.

Infine, prima di lasciarvi alle vostre letture, c’è ancora un libro di cui vi voglio parlare: Pinksie the whale è un racconto in lingua inglese solo per veri lettori avventurosi. Già dalla copertina capiamo che per poterlo leggere dobbiamo essere un po’ speciali: piccoli, grandi, quadrati, triangolari, a strisce… e, certamente, rosa. In questo racconto non esistono parole come “normale”o “come gli altri”, e insieme alla balena Pinksie e a speciali compagni di avventure arriveremo a scoprire che le differenze sono la vera ricchezza.
Divertentissimo e con un messaggio importante, è un libro che fa del bene: acquistandolo, infatti, sosteniamo l’Associazione CAF.

– Leo Lionni, Federico, Babalibri, Milano 2005 (dai 3 anni).
– Erika Rombolotto, Mestre, c’era una volta un castello, La Toletta edizioni, Venezia 2013 (dai 7 anni).
– Luca Nocella, Alessandro Coppola, Bianca e il Rubasogni, Di Marsico Libri, Bari 2014 (dai 3 anni).
– Davide Calì, Sonja Bougaeva, Marilena la balena, Terre di Mezzo Editore, Milano 2011 (dai 5 anni).
– Pinksie the whale, Pinksie The Whale, London 2012.