Come prepararsi alla partenza per un viaggio con i bambini: informazioni, documenti, vaccinazioni e assicurazioni di viaggio per partire sereni con i figli e godersi una vacanza senza intoppi

Se avete in programma un viaggio all’estero con i figli, la prima cosa da fare è informarsi sul sito Viaggiare sicuri che fornisce informazioni di carattere generale e sulla situazione della sicurezza, specificando documenti, eventuali visti d’ingresso e profilassi sanitarie richiesti per ogni paese. Ogni scheda paese contiene anche i recapiti della rappresentanza diplomatica/consolare italiana in loco, dove rivolgersi per assistenza in situazioni critiche. Dove questa non sia presente, i cittadini europei possono rivolgersi alle rappresentanze in loco degli altri Stati Membri dell’Unione Europea.

Almeno 3-4 settimane prima di partire informatevi se è necessario eseguire delle vaccinazioni o la profilassi malarica per voi e i vostri bambini presso l’Ambulatorio per i viaggiatori internazionali della vostra ASL. Il sito del Ministero della Salute fornisce informazioni essenziali e diverse guide di approfondimento, come gli opuscoli Malattie del viaggiatore e Speciale Viaggi. I bambini in buono stato di salute possono viaggiare senza particolari problemi, l’importante è verificare prima della partenza che siano stati effettuati correttamente tutti i vaccini di base previsti e, a seconda della destinazione, valutare con il proprio pediatra o con lo specialista in medicina dei viaggi che non vi siano controindicazioni al viaggio e la necessità di vaccini specifici per l’area di destinazione, che vanno somministrati tenendo in considerazione l’età del bambino. Consigliabile anche una visita di controllo dal dentista per tutta la famiglia in modo da evitare brutte sorprese durante il viaggio!

In generale, vi consigliamo, comunque, di stipulare un’assicurazione di viaggio che comprenda la consulenza medica h24, il rimborso delle spese mediche sostenute all’estero ed altre garanzie aggiuntive, quali il trasporto al centro di cure più adatto, il rientro accompagnato dei minori e il rientro sanitario con il mezzo più idoneo. Anche se i cittadini europei con Tessera Europea di Assicurazione Malattia hanno diritto all’assistenza sanitaria negli altri paesi dell’Unione Europea, un’assicurazione medico-bagaglio fornisce solitamente maggiori garanzie. Chiedete alla vostra agenzia viaggi o al vostro assicuratore di fiducia la polizza di viaggio più adatta alla vostra famiglia.

Se per recarvi nel paese di destinazione dovete munirvi di passaporto, fate riferimento al sito web della Polizia di Stato, dove troverete tutte le informazioni sui documenti per viaggiare e le procedure per il rilascio del passaporto. Se, come la maggior parte dei genitori, avete poco tempo a disposizione, troverete molto comodo il sito web Passaporto Elettronico, che consente di ottenere un appuntamento per il rilascio del passaporto in Questura o al Commissariato, rilasciando il modulo compilato e le informazioni sulla documentazione da presentare. Il costo per il rilascio del passaporto è da poco aumentato da 40,29 a 73,50 euro, ai quali va aggiunto il costo del libretto, ma almeno è stata abolita la tassa annuale di 40,29 euro che si doveva pagare per i viaggi extra UE.

Per quanto riguarda i viaggi con minorenni di cittadinanza italiana, non è più valida l’iscrizione del minore sul passaporto del genitore, che quindi può viaggiare in Europa e all’estero solo con un documento di viaggio individuale valido per l’espatrio: per i Paesi UE è sufficiente la carta d’identità, altrimenti serve il passaporto. Sul sito della Polizia di Stato sono riportate tutte le norme e le procedure per il passaporto per i minori e il lasciapassare per l’espatrio di minori di 15 anni, un certificato contestuale di nascita e cittadinanza rilasciato dal comune, che deve essere vidimato dal Questore. I minori di 14 anni in possesso di un proprio documento d’identità possono viaggiare anche se accompagnati da persona diversa dal genitore/tutore legale, in questo caso è necessario ottenere una dichiarazione di accompagnamento con le nuove norme in vigore dal 4 giugno 2014. I ragazzi di età compresa tra i 14 e i 18 anni non compiuti possono viaggiare anche senza accompagnatore.

Un ultimo consiglio, ma non meno importante, è di segnalare il vostro viaggio sul sito Dove siamo nel mondo, il servizio del Ministero degli Affari Esteri riservato ai cittadini italiani che si recano temporaneamen- te all’estero, che permette all’Unità di crisi della Farnesina di reperirvi e intervenire in caso di situazioni di grave emergenza nel paese dove vi recate. È necessario registrarsi e inserire dati personali, recapiti di contatto e il programma di viaggio, indicando i luoghi che si visiteranno e dove si pernotterà. I dati si possono inserire a partire da 30 giorni prima della data di partenza fino a viaggio già iniziato, anche tramite SMS o telefono, si possono modificare in ogni momento e vengono cancellati automaticamente 2 giorni dopo la data di fine viaggio.

E ora che avete svolto tutti i compiti per casa… potete partire sereni per il vostro viaggio con i bambini!