Venezia città dei bambini… e soprattutto nei prossimi giorni. Sì, perché la città lagunare ha in serbo per i prossimi fine settimana, una serie di iniziative a loro dedicate. Partiamo con l’ EDU Open Day del museo Guggenheim che il 22 settembre 2015 dedicherà un’ intera giornata a tutte le nuove proposte didattiche del Dipartimento Educativo: Kids Day, A scuola di Guggenheim, quest’ anno dedicato ad Arte e Geografia, Kids Creative Lab, Prima Visione e molto altro. Ci sarà la possibilità per i bambini di provare le divertenti attività che il museo offre durante tutto l’ anno. Altro interessante appuntamento è quello con la manifestazione Isole in rete: il festival che valorizza le isole della laguna e offre la possibilità ai partecipanti e curiosi di avventurarsi escursioni in barca e in bici, visite naturalistiche e archeologiche oltre che mostre e spettacoli. Una bella occasione da non perdere! Dal 25 settembre al 6 ottobre invece Venezia è città che promuove i diritti dei bambini: grazie al lavoro dell’ assessorato coesione sociale e sviluppo economico, si terrà infatti la terza edizione della manifestazione Dritti sui diritti nell’ intento di meglio mobilitare la comunità adulta cittadina a garanzia dei diritti dei più piccoli. Nel corso dei 10 giorni verranno quindi realizzate molteplici occasioni per approfondire la conoscenza di tre diritti di bambini e ragazzi.

Diritti che spesso si danno per scontati, ma che, talvolta, vengono ignorati nei fatti:
il diritto al cibo, contenuto nel più ampio diritto di “godere di buona salute” previsto dall’ art.24 della Convenzione di New York, che nella nostra società occidentale può essere inteso anche come diritto ad essere consapevoli dell’ importanza del cibo e della sua adeguata assunzione;
il diritto all’ istruzione, allo studio, all’ apprendimento così come previsto sia dall’ art. 28 che dall’ art.29 della Convenzione, quale condizione di base per la crescita e lo sviluppo di persone capaci di essere protagoniste e responsabili della loro vita personale e sociale;
il diritto al vivere, frequentare, abitare in pieno la propria città, una città i cui luoghi siano accessibili a bambini e ragazzi al fine di permettere loro di incontrare persone come recita l’ art. 15 la Convenzione, ma anche per esprimere al meglio se stessi (art. 13). Un diritto, quest’ ultimo, che se esercitato, porta con sé un gran vantaggio per la città tutta, in quanto più luoghi e spazi cittadini vengono vissuti e abitati da bambini e ragazzi, tanto più verranno sottratti ad attività illecite e dannose per la comunità sociale.

Una settimana impegnativa quindi e interessante, segnate in agenda gli appuntamenti: Venezia vi aspetta!