Il nostro viaggio in famiglia alla scoperta di architettura, storia, arte in una Berlino a misura di bambino.

Andrea e Barbara, architetti e collaboratori di Kid Pass, hanno due bambini di 9 e 7 anni e quest’anno hanno deciso di passare le loro vacanze a Berlino. Li abbiamo seguiti nel loro interessante viaggio in questa capitale europea a misura di bambino.

“Il nostro soggiorno è stato possibile grazie a una splendida esperienza di scambio casa: un modo di viaggiare a basso costo attraverso il quale abbiamo avuto la fortuna di vivere 13 giorni in uno splendido appartamento a Kreuzberg, uno dei quartieri più interessanti e vitali della capitale tedesca. La famiglia con la quale abbiamo scambiato casa aveva a sua volta due bambine, più o meno di pari età dei nostri bambini, e questo ha significato poter alloggiare in un appartamento adatto a loro, con un bellissimo giardino condominiale, oltre a poter usufruire delle biciclette di famiglia per percorrere in lungo e in largo la città” racconta Andrea.

Berlino è una città che offre una enormità di stimoli e di attrazioni per tutti i gusti.
Oltre a visitare le principali attrazioni turistiche e culturali, Andrea e Barbara hanno optato per lunghi giri in bicicletta alla scoperta dei vari quartieri che compongono la città.

“Sì, in effetti – spiega Barbara – l’offerta dei musei è amplissima e all’avanguardia per patrimonio, servizi, qualità degli allestimenti. Tutti i musei statali sono gratuiti per i ragazzi fino ai 18 anni e per molti è possibile la prenotazione on-line, utile soprattutto per la visita all’imperdibile Pergamon Museum, attualmente in restauro e con lunghe code all’ingresso nel caso in cui non si sia provveduto prima dal sito degli Staatliche Museen zu Berlin”.

I biglietti giornalieri hanno consentito loro l’accesso a tutti i musei nazionali, che si trovano in larga parte concentrati nell’Isola dei Musei, proprio al centro della città. Nei principali musei statali è inoltre possibile avere, comprese nel prezzo, audio-guide in italiano, semplici da utilizzare e con spiegazioni adatte anche ai bambini (con qualche aiuto per i più piccoli).

“Una delle emozioni più grandi del viaggio è stata la visita alla grande cupola vetrata del nuovo Reichstag, il parlamento della Germania riunificata, progettata dall’architetto inglese Norman Foster. La scelta di prenotare la visita on-line ha reso tutto molto piacevole e semplice (nonostante le rigide misure di sicurezza). Anche la serata trascorsa all’interno della splendida struttura con la luce del tramonto rimarrà certamente nella nostra memoria” sottolineano insieme Barbara e Andrea.

“Per il più piccolo della famiglia poi – aggiunge Andrea- è stata troppo forte la tentazione di salire sulla Torre della Televisione di Stato, emblema degli sforzi della ex DDR di dimostrare la propria forza e volontà di modernità. L’interno della torre è un esperienza anche per gli amanti del vintage: tutti gli arredi e le finiture interne, o quasi, sono quelle originali degli anni ’60 del secolo scorso. Un salto oltre cortina e la vista è veramente molto suggestiva, avendo sempre cura di prenotare on-line, per evitare possibili code”.

Andrea, Barbara e i loro bambini hanno girato la città in bici consigliati da amici e poi convinti dal fatto che tutta la città è attrezzata con piste ciclabili di ottima qualità. “Così facendo abbiamo potuto apprezzare il grande numero di parchi urbani e di spazi giochi per bambini, collocati in ogni angolo della città. Rocco e Zeno, hanno sperimentato decine di aree giochi attrezzate con strutture sempre diverse e sempre molto divertenti. Quasi sempre i giochi sono circondati da grandi superfici di sabbia e pensati e fatti per arrampicatori: a volte sembrano anche un po’ pericolosi e per questo certamente molto attraenti per i bimbi”. I nostri due genitori, da bravi architetti, hanno inoltre osservato che la progettazione delle aree per i più piccoli è comunque sempre molto attenta a garantire giochi adatti a bambini di varie età, recintati, spesso con siepi e alberi che offrono zone d’ombra e numerose panchine dove genitori e nonni osservano i bambini divertirsi in libertà.

“Se possiamo darvi dei suggerimenti derivanti dalla nostra esperienza, certamente possiamo affermare che le aree gioco più apprezzate dai due piccoli ßlsquo;collaudatori’ sono state nel quartiere di Kreuzberg il Kreuzberger Kinderstiftung (accesso da Ratiborstraßszlig;e, lungo il Landwehrkana); a poca distanza la splendida e varia area giochi di Gßouml;rlizerpark, nell’isoletta formata dal Landwehrkanal tra i quartieri di Kreuzberg e Treptow, accessibile da Gßouml;rlizerufer o da Scheleisischen Tor; tra i quartieri di Kreuzberg e Schßouml;nberg il Flaschenhalspark frutto di interventi di recupero di parte dell’area ferroviaria che passa in quella zona, dove le aree giochi e i percorsi ciclo-pedonali sono di grande qualità, fantasia e capacità d’attrazione per i bambini di diverse età; l’enorme parco pubblico ricavato dall’ex-aeroporto cittadino di Tempelhofer Park, letteralmente chilometri quadrati a disposizione di tutti per corse pazze, mezzi di trasporto originali, aree Barbecue; il piccolo parco con giochi molto originali poco a sud di “Mitte”, il centro città, lungo Niderwallstraßszlig;e.

Un’ultima indicazione utile Andrea e Barbara ce la forniscono sugli spostamenti e la logistica: “quando non ci siamo mossi sulle due ruote, abbiamo approfittato della Berlin Welcome Card (optando per quella valida 5 giorni) che permette di muoversi con metro, bus, tram e linee ferroviarie ad un prezzo veramente conveniente e senza limitazioni nel numero di mezzi utilizzati e visitando anche Postdam, l’antica capitale dei re prussiani. Qui all’interno di un enorme parco completamente aperto al pubblico e gratuito, abbiamo visitato numerosi Schloss, i castelli e le residenze fatte costruire in varie epoche dai re prussiani” ricorda Barbara. La bellezza degli edifici e la varietà dei parchi ha reso la gita particolarmente divertente anche per i bambini. Anche a Postdam è possibile acquistare i biglietti d’ingresso giornalieri direttamente nell’ufficio turistico collocato all’interno della stazione ferroviaria, evitando lunghe attese particolarmente difficili da gestire con i bambini. Infine la visita al Castello di Sanssouci, principale attrazione della città, che è cadenzata secondo orari definiti al momento dell’acquisto del biglietto, consentendo una visita piacevole, nonostante il gran numero di visitatori.

Berlino rappresenta non solo una meta di viaggio entusiasmante, ma anche un esempio di grande città moderna e dinamica, accogliente e a misura di bambino. Il cielo sopra Berlino quindi è molto Kid Friendly.

Per iniziare ad organizzare il vostro viaggio,“vi consigliamo Visitberlin.de.”