Domenica 12 ottobre torna in 38 aziende agricole biologiche e biodinamiche di tutta Italia Seminare il futuro, iniziativa giunta alla quarta edizione e promossa dEcor NaturaSì che si sostanzierà in una allegra semina collettiva. L’ obiettivo è quello di diffondere la consapevolezza dell’ importanza dei semi come patrimonio comune e del cibo come vera fonte di nutrimento e sopravvivenza per l’ uomo, ma anche difendere la biodiversità e ribadire il no agli ogm e ai brevetti delle multinazionali sulle sementi.
Tutti assieme – adulti, bimbi, famiglie, gruppi di amici – si seminerà a mano un campo di cereali con sementi bio provenienti da un processo di selezione che rinuncia all’ uso degli ibridi, alla manipolazione genetica e mira a ottenere piante sane, robuste, e riseminabili. Si avrà la possibilità di essere protagonisti di un gesto antico, concreto e al tempo stesso simbolico, che avverrà contemporaneamente in tutte le aziende agricole coinvolte. Un bel modo per mostrare ai più piccoli quale sia l’ origine del cibo che mangiamo e per far scoprire loro una pratica antica, ma carica di valore. Che poi, a ben pensarci, i concetti di “seminare” e “futuro” sembrano proprio descrivere la realtà del bambino, che è come un terreno fertile, pronto a ricevere i semi migliori, quelli capaci di garantirgli un futuro migliore.

Per conoscere l’ azienda agricola aderente più vicina basta consultare il sito dell’ iniziativa.