È in corso a Firenze il salone dedicato alla moda per i più piccoli, con oltre 500 marchi e migliaia di nuove idee couture. Ma anche eventi e collaborazioni interessanti, che aprono al mondo dei bambini a 360 gradi

Evento nazionale di punta per la moda dei più piccoli, l’84esimo Pitti Immagine Bimbo, dedicato al tema PittiDanceOff, ovvero la musica e il ballo che ritmano la vita, è in corso in questi giorni (19 – 21 gennaio 2017) a Firenze e guarda già alle collezioni della prossima stagione invernale 2017 – 2018.
I numeri: 503 collezioni (200 provenienti dall’estero), 10 sezioni del percorso “moda bimbo”, 47mila metri quadrati di superficie espositiva, tratteggiano il peso del salone dove, tuttavia, non mancano le occasioni di approfondimento e le curiosità.

Uno sguardo alle nuove tendenze

Le sfilate non lasciano dubbi: Madre Natura è la grande ispirazione, con collezioni che evocano vette innevate, animali che popolano boschi, prati e cieli e perfino quei paesaggi surreali dove fantasia e creatività si confondono. Nelle collezioni per i più piccini i colori di foglie e rami sono illuminati da tocchi di lurex (Fracomina Mini), mentre oro e verde, nei toni di una palette militare, animano una moda dal sapore vintage. Le tinte della neve, i grigi e l’argento evocano le città nordiche, su jeans delavé, divertenti t-shirt e maglieria. Mentre la stampa animalier va forte sui capi in eco-pelliccia (Save The Duck). Accanto alle firme da passerella, simbolo di nuovo lusso per neonati, kid e teen, crescono i numeri di EcoEthic, la generazione Green di Pitti Bimbo, ovvero quei brand che fanno della moda sostenibile la propria bandiera. Si tratta di aziende di tutto il mondo, che utilizzano materiali organici e biologici prodotti nel rispetto della natura e secondo una filiera che tutela le realtà locali e le piccole comunità, insieme alla salvaguardia dell’ambiente.

Non solo moda

Il calendario di Pitti Bimbo 84 è completato da diversi eventi non strettamente collegati al mondo del fashion. Come le iniziative solidali, che hanno caratterizzato le giornate di ieri e di oggi. Jeckerson Junior ha dedicato una conferenza a un tema di grande attualità, la lotta al bullismo: da questo progetto nascerà la creazione di una Limited Edition a sostegno di una associazione contro il bullismo. Poi, l’evento benefico iDO in collaborazione con la Lega del Filo d’Oro (da 50 anni è al fianco delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali) e quello del Mercato Centrale Simonetta a sostegno di Anticito Onlus, associazione che sostiene le famiglie colpite dal Citomegalovirus congenito. Da Happiness invece vale il ricordo: ospite speciale ieri allo stand Paolo Simoncelli per la presentazione della capsule collection dedicata a Marco Simoncelli SIC58.

Fra moda e gioco si inserisce l’offerta di workshop: è il caso di “Cammina cammina”, in programma sabato 21 gennaio, durante il quale venti mini stilisti dai 6 ai 12 anni progetteranno le scarpe del futuro nella sede fiorentina dell’Istituto Europeo di Design che ospita KDSGN – we were kids, anteprima del big event che si terrà a giugno in concomitanza con la prossima edizione di Pitti Immagine. In questo laboratorio si invitano gli adulti a recuperare la creatività di quando erano piccoli, e i bambini a familiarizzare fin da subito con i processi produttivi del mondo della moda e del design, coltivando fantasia e spirito.

Infine, Pitti Bimbo accoglie anche iniziative culturali: alla Fortezza da Basso è stata allestita The Extraordinary Library, che ospita cento libri dell’editoria internazionale per bambini e ragazzi dedicati all’universo della moda. I titoli – fra i quali Il signor orizzontale e la signora verticale di Noémie Révah con illustrazioni di Olimpia Zagnoli e Cenerentola una favola alla moda di Steven Guarnaccia – sono stati selezionati dalla Fiera Internazionale del Libro per Ragazzi di Bologna proprio per Pitti Bimbo con un concorso.