Da sabato 21 a domenica 29 ottobre, la cittadinanza viene invitata nelle librerie aderenti per scegliere un libro da acquistare e donare alla biblioteca di una scuola con l’ iniziativa #ioleggoperché, promossa dall’ Associazione Italiana Editori in collaborazione con il Ministero dell’ Istruzione,Università e Ricerca (MIUR), AIB (Associazione Italiana Biblioteche), ALI (Associazione Librai Italiani- Confcommercio) e Libriamoci.

Tutte le scuole sono state chiamate a iscriversi e a gemellarsi con una o più librerie del proprio territorio. La novità di quest’ anno è che oltre alle scuole primarie e secondarie di primo e di secondo grado, statali o paritarie, anche le scuole dell’ infanzia vengono coinvolte nell’ iniziativa.
Nel 2016, 1.417 librerie hanno attivato 4.487 gemellaggi con 2.408 scuole e sono stati donati 62.000 libri alle biblioteche scolastiche. Quest’ anno, le scuole iscritte sono 5.636, le librerie 1.774 e sono stati attivati 10.736 gemellaggi scuole-librerie.
Le scuole possono segnalare quali libri potrebbero essere utili alla biblioteca scolastica, ma sarà anche possibile trovare nelle librerie aderenti i Messaggeri volontari che spiegheranno al pubblico come funziona #ioleggoperché e che, nel momento della donazione, possono assistere gli interessati nella scelta del libro da acquistare.
Gli editori aderenti si impegnano a donare alle scuole un monte libri pari al numero di libri donati dal pubblico durante i nove giorni della manifestazione. Per ogni libro comprato dal pubblico per essere donato alle scuole, gli editori ne aggiungeranno un altro, fino a un massimo di 100.000 copie totali.

Perché partecipare a #IOLEGGOPERCHé?

Nonostante il 97,4% delle scuole italiane abbia una biblioteca, nell’ indagine sulle biblioteche scolastiche a cura da AIE e AIB per #ioleggoperché in 1.222 scuole aderenti al progetto, è emerso che dal 2011 al 2016 la spesa complessiva per il funzionamento delle biblioteche è scesa da 1.189 euro nel 2011 a 441 euro nel 2016.
La dotazione di libri è calata da 3017 volumi del 2011 a 2.501 volumi per scuola nel 2016, ovvero una riduzione della media di 4,7 a 3.9 di libri per studente. Un altro dato rilevante è che il 10% delle scuole che hanno partecipato all’ indagine hanno posti a sedere zero in biblioteca.

Piattaforma web, testimonial e contest #ioleggoperché2017

Nellpiattaforma web del progetto, oltre un centinaio di testimonial del mondo della cultura, dello spettacolo, dell’ informazione e dello sport tramite brevi video raccontano il loro #ioleggoperché lasciando al pubblico anche i loro suggerimenti di lettura. Nella piattaforma che si costituisce come un punto di raccordo tra scuole, librerie e messaggeri, è possibile interagire con i partecipanti lasciando una citazione del libro preferito da condividere nella social wall, vedere quali sono gli eventi in programma di #ioleggoperché2017 nelle città italiane.
Durante la manifestazione, le scuole iscritte al contest #ioleggoperché2017, organizzeranno eventi insieme alle librerie con cui sono gemellate per promuovere la lettura e incrementare le donazioni alle biblioteche scolastiche. Verranno premiate con 5 buoni acquisti da spendere in libri le 5 scuole che avranno organizzato gli eventi più creativi e coinvolgenti: letture ad alta voce, incontri con l’ autore, flash mob letterari, lezioni in libreria, gare di abilità, spettacoli o rappresentazioni musicali, installazioni in vetrina e così via.

Nella rubrica “Leggiamo un libro” del Kid Pass Blog, dedicata a diffondere il piacere della lettura nel tempo libero dei bambini e genitori, troverete tanti spunti e libri consigliati per invitare bambini e ragazzi al mondo dei libri e della lettura.