Un breve selezione delle iniziative a misura di bambino organizzate in tutta Italia per festeggiare la notte più paurosa dell’anno

E anche quest’anno Halloween è arrivato. Ormai ce ne siamo fatti una ragione: anche in Italia bambini e adulti si sono abituati festeggiare andando in giro vestiti in maschera e al grido di “dolcetto o scherzetto”. La tradizione, tuttavia, è antichissima, quando l’inizio della stagione fredda per i celti significava due cose: anno nuovo e buio. Per cercare di ritornare alle origini, abbiamo tentato di selezionare per voi una serie di eventi e iniziative sparse su e giù per lo Stivale e in cui, a fare da filo conduttore, è proprio un sincero e genuino ritorno alle “tenebre”. Complice il ponte lungo, la vostra caccia alle streghe potrebbe essere una bella occasione di viaggio in famiglia.

L’origine della ricorrenza

La ricorrenza di Halloween non nasce in America, come i più possono erroneamente pensare, ma ha origini antichissime rintracciabili in Irlanda, quando la verde Erin era dominata dai Celti. Dall’Irlanda, la tradizione è stata poi esportata negli Stati Uniti dagli emigranti che, spinti dalla terribile carestia dell’800, si diressero numerosi nella nuova terra. Halloween corrisponde infatti a Samhain, il capodanno celtico. I Celti erano prevalentemente un popolo di pastori, a differenza di altre culture europee. I ritmi della loro vita erano scanditi dai tempi che l’allevamento del bestiame imponeva, tempi diversi da quelli dei campi. Alla fine della stagione estiva, i pastori riportavano a valle le loro greggi, per prepararsi all’arrivo dell’inverno e all’inizio del nuovo anno. Ecco, quindi, che per i Celti l’anno nuovo non cominciava il 1° gennaio come per noi oggi, bensì il 1° novembre, quando terminava ufficialmente la stagione calda ed iniziava la stagione delle tenebre e del freddo, il tempo in cui ci si chiudeva in casa per molti mesi, costruendo utensili e trascorrendo le serate a raccontare storie e leggende.

Magie e paura fra le nebbie del nord

Ecco dunque quale è la vera origine della festa che, come spesso succede, col tempo perde un po’ del suo legame con la storia e si fa più commerciale. Pronti allora per il nostro itinerario? Cominciamo con Triora, cittadina della Liguria in provincia di Imperia meglio conosciuta come paese delle streghe: è qui infatti che nel 1587 si tenne la più grossa caccia alle streghe che l’Italia ricordi. In quale luogo migliore, dunque, potreste mai passare la notte di Halloween? Dal 31 Ottobre al 1 Novembre ci si potrà impaurire tra un gioco “mostruoso” e l’altro, al ritmo della musica che si diffonderà tra i mercatini. Adulti e bambini potranno scatenarsi sfoggiando i loro tenebrosi costumi e celebrando la festa con danze, filastrocche e racconti. A fare da contorno animazione, musica, sfilate e laboratori. Streghe, fantasmi e un castello solitario in mezzo alle colline sono invece gli ingredienti di Notte al castello, un evento che si terrà al Castello di Monticello d’Alba in provincia di Cuneo e che racchiude diverse iniziative fra il 30 e il 31 ottobre 2016, organizzato da Turismo in Langa per mostrare sotto una luce insolita le bellezze del territorio, in occasione della Festa di Halloween. Le proposte per bambini e adulti sono tantissime. Se passate per Torino il 31 ottobre, tutti in piazza Castello alle 18 per una vera e propria caccia alle streghe nel cuore della città. Il Bosco delle Fate di Montegrotto Terme (Pd) il 31 ottobre sarà visitato proprio dalle streghe con Halloween nel Bosco delle Fate: qui i bambini potranno andare alla ricerca delle chiavi per aprire il Carrozzone Fatato, e poi tanti laboratori, spettacoli e incantesimi stregati. In provincia di Ferrara la festa di Halloween è sull’acqua: è quella proposta da Comacchio, uno dei centri maggiori del delta del Po. Lunedì 31 ottobre (a partire dalle 10 e fino alle 24) streghe e fantasmi si aggireranno per ponti e canali insieme a cortei di zombie. Anche qui tante iniziative per bambini.

Castelli da brivido al centro-sud

Un altro castello infestato dalle streghe è quello di Bracciano, in provincia di Roma, dove Halloween sembra non finire mai: qui il 1 novembre e ancora le domeniche 6 e 13 novembre, alle 15.30, nelle sale del castello la stravagante famiglia Addams vivrà felici momenti di orrori e torture. Durante il percorso storico delle antiche sale del famoso maniero, Morticia e i suoi familiari vi accompagneranno in un viaggio ricco di sorprese, curiose presenze e strani avvenimenti. E ancora da venerdì 28 a lunedì 31 ottobre anche Corinaldo, un piccolo paese in provincia di Ancona si trasforma nella capitale della “festa delle streghe”. Sono ormai 19 anni che qui si festeggia Halloween e nell’edizione 2016 per tutto l’arco della festa si terranno i laboratori Costruiamo la paura per bambini. E saranno proprio streghette, piccoli scheletri e mostriciattoli i protagonisti e a colorare il borgo accolti dall’abbraccio della mascotte Zucchino. Una terrificante nottata nel castello vi aspetta invece proprio al castello dell’Ovo di Napoli: sabato 29 e domenica 30 ottobre con vari orari si festeggerà un Halloween calato nella storia e nella tradizione napoletana. Ci saranno le streghe di Mani e Vulcani che accoglieranno i bambini, accompagnati dai genitori, per un bellissimo viaggio alla scoperta della storia della festa in versione napoletana e poi un libro di sortilegi che guiderà i partecipanti nei misteriosi enigmi di Partenope. Ci sarà poi una visita guidata alla scoperta di streghe e fantasmi di Napoli.