Da Milano a Palermo, le proposte autunnali di musei e gallerie italiani ci portano alla scoperta di arte, storia e scienza puntando sull’ interattività per arrivare anche ai più piccini.

Con l’estate se ne va la possibilità di esplorare parchi, prati e spiagge, ma siamo certi che, dopo aver letto cosa propongono in questo autunno musei e gallerie italiani, non li rimpiangerete poi tanto: l’offerta infatti è davvero vastissima, si spazia da Milano a Palermo, dall’arte alla storia alla scienza, con approcci volti a coinvolgere i bambini (e a far sì che gli adulti conducano la visita senza fretta) innovativi e avvincenti.

A Milano, tra Caravaggio, Egitto antico e la storia Disney

Una tra le esposizioni più attese è Dentro Caravaggio, allestita a Palazzo Reale dallo scorso 29 settembre, giorno della nascita del pittore. Ciò che la contraddistingue è la promessa di portare il visitatore “all’interno” di venti opere dell’artista seicentesco: per la prima volta infatti le tele di Caravaggio sono state affiancate dalle rispettive immagini radiografiche, in modo tale che il pubblico possa seguire e scoprire, attraverso un uso innovativo degli apparati multimediali, il percorso dell’artista dal suo pensiero iniziale fino alla realizzazione dell’opera. La mostra propone pacchetti per famiglie che comprendono la visita e l’attività laboratoriale per i bambini, diversificata a seconda delle fasce d’età: per i bimbi di 4 e 5 anni il tema è la scoperta della vita del pittore, per quelli dai 6 ai 10 anni viaggio tra luci e ombre, e per gli adolescenti il percorso artistico di Caravaggio.
Se alla pittura preferite il fascino misterioso dell’antica civiltà del Nilo, non perdete la mostra Egitto al Mudec (fino al 7 gennaio 2018), che attraverso la figura del faraone Amenofi II e il periodo in cui visse (1427 – 1401 a.C.) ha lo scopo di presentare gli aspetti principali della civiltà egiziana. Per i bambini tra i 6 e gli 11 anni è stato predisposto un percorso speciale, Alla ricerca delle mummie perdute, con una guida d’eccezione, il topo giornalista Geronimo Stilton: tutti i sabati e le domeniche sono previsti la visita animata e il laboratorio e, in occasioni particolari come Halloween e Natale, sono in previsti programmi speciali.
Dall’arte, alla storia e infine al costume: a Milano fino al 25 febbraio 2018 è in corso un’altra curiosa mostra, Sogno e avventura, 80 anni di principesse nell’animazione Disney al museo Wow Spazio Fumetto in collaborazione con The Walt Disney Company Italia, per celebrare gli ottanta anni dall’uscita nelle sale di Biancaneve e i Sette Nani. Tra disegni originali e libri d’epoca, manifesti e gigantografie, gadget storici, spartiti di colonne sonore e fumetti si potranno ritrovare le amatissime eroine da Biancaneve a Elsa ed Anna. In programma anche proiezioni speciali e laboratori didattici, per scoprire come da una favola antica possa nascere un film d’animazione e come si siano evolute le tecniche in ottanta anni.

A Vicenza con il piccolo Vincent Van Gogh

A Vicenza, nella Basilica Palladiana ci attende una mostra che si presenta come la più grande mai realizzata in Italia dedicata a Van Gogh, con 129 opere esposte: Van Gogh, tra il grano e il cielo. Per i bambini fino a 5 anni l’ingresso è gratuito ed è disponibile un’audioguida a loro dedicata (solo in italiano) che racconta la straordinaria avventura artistica di Vincent Van Gogh attraverso una sorta di diario che raccoglie storie, immagini e suggestioni sonore. La protagonista è Johanna, enfant prodige olandese allegra e vivace, accompagata da Vincent, suo fratello Théo e altri protagonisti che prendono vita dalle opere; Van Gogh fa piccoli progressi ogni giorno e i bambini possono seguirlo nella crescita, imparando a conoscerlo e ad amarlo.

A Roma per due grandi artisti e per una mostra che non ci si aspetta

Nella capitale sono in corso due grandi mostre, al Complesso del Vittoriano Monet. Capolavori dal Musée Marmottan, Parigi, 60 opere del padre dell’Impressionismo prevenienti dal Musée Marmottan Monet di Parigi, quelle stesse opere che l’artista conservava nella sua dimora di Giverny, e Hokusai. Sulle orme del Maestro, all’Ara Pacis fino al 14 gennaio 2018, che raccoglie circa 200 opere raccontando e confrontando la produzione del Maestro giapponese con quella di alcuni tra gli artisti che hanno seguito le sue orme. Sia la pittura di Monet sia il tratto di Hokusai, pur molto diversi, potranno colpire l’attenzione dei bambini stimolando la loro curiosità, tuttavia entrambe le esposizioni non prevedono attività o visite per famiglie ma solo la facilitazione della prenotazione online e del biglietto ridotto per i più piccoli.
Un’esposizione che di certo entusiasmerà bimbi e ragazzi è senza dubbio Enjoy. L’arte incontra il divertimento, allestita nel Chiostro del Bramante (fino al 25 febbraio 2018): l’obiettivo è invitare al gioco, inteso come la massima esaltazione del pensiero, della ricerca e dello studio. Il pubblico è il vero protagonista di questa mostra, invitato ad interagire con lo spazio, spostandosi oltre il limite imposto dalle rigide normative applicate in genere dai musei. Per la prima volta ai bambini è dedicato, come spazio di azione, l’intera mostra, uscendo dai tradizionali schemi didattici e invitandoli a compiere un viaggio – laboratorio itinerante. La mostra prevede un biglietto famiglia con audioguida inclusa e sono in programma attività pratiche per i bambini: il prossimo sabato 4 novembre, ad esempio, Un soffio d’arte organizza con la collaborazione di storici dell’arte e di educatrici di didattica museale, un laboratorio avvicinare i piccoli visitatori all’arte.

A Napoli per un interattivo viaggio nel corpo umano

Se state pensando di visitare Napoli, vale la pena fare una sosta alla Città della Scienza, dove dal marzo scorso è stato allestito su oltre 5 mila metri di superficie il museo Corporea, che invita a compiere un percorso di scoperta e approfondimento del corpo umano e del suo funzionamento, promuovendo anche la salute, gli stili di vita sani e il ruolo della ricerca scientifica e tecnologica. Il viaggio dentro a noi stessi, affascinante tanto per i bambini quanto per gli adulti, avviene attraverso video immersivi, esperienze di realtà virtuale, games, multimedia, laboratori e sperimentazioni dirette. Il percorso di visita si snoda in 14 isole tematiche, intervallate da spazi multifunzionali dedicati al riposo, al dialogo, al gioco, all’incontro e alla riflessione e da open lab, dove esperti, ricercatori universitari e centri di ricerca condividono con il pubblico esperimenti scientifici sui temi della salute e del nostro organismo, come ad esempio la crescita batterica e l’impatto degli antibiotici o la preparazione e l’osservazione di tessuti e cellule al microscopio. Il biglietto permette di visitare anche la mostra Il Mare e l’Officina dei Piccoli.

A Palermo per guardare il mondo con Cartier – Bresson

La Galleria d’Arte Moderna di Palermo dedica a Henri Cartier – Bresson, il fotografo soprannominato “l’occhio del secolo” e precursore del fotogiornalismo, la mostra Henri Cartier-Bresson. Fotografo (fino al 25 febbraio 2018), che raccoglie 140 scatti del grande maestro, per un tuffo nel suo mondo e nella ricchezza del suo sguardo. Il fotografo francese è stato anche un vero genio delle fotografie ai bambini, riuscendo ad immortalarli in espressioni spesso rare per la loro età. Il realismo delle immagini potrà piacere e incuriosire i più piccoli, ai quali la Galleria d’Arte Moderna dedica diverse proposte di laboratorio sui temi collegati alle collezioni permanenti (la mostra è infatti accessibile, oltre che con biglietto dedicato, anche con un biglietto cumulativo che comprende la visita del museo).